L'acuqa un bene primario in pericolo

31/lug/2010 15.43.42 bordoni.matteo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L' acqua è un bene primario, anzi, senza voler esagerare, è il bene primario per eccellenza. Il suo fluire scandisce tutta nostra vita, la utilizziamo per bere, per cucinare, per la preparazione dei cibi, per lavacri…insomma è parte costante e fondamentale delle nostre vite.

La modernità ha portato però ad un impoverimento delle risorse idriche dovuto soprattutto all'inquinamento che ha alterato gli ecosistemi che hanno come componente fondamentale l'Acqua.

L'inquinamento idrico può essere causa da differenti fattori quali gli scarichi diretti o indiretti di attività industriali o anche delle normali attività umane che giungono nei corsi d'acqua, nel laghi e nei mari dai grandi insediamenti urbani senza essere trattati opportunamente.

L'alterazione dei sistemi idrici può derivare da causa chimica o batterica e le conseguenze di tali contaminazioni possono essere anche mortali per gli esseri umani ed animali. Molte sostanze, comunemente utilizzate in fabbriche o nelle nostre case sono altamente inquinanti per gli ecosistemi idrici e non neanche ce ne accorgiamo.
Le azioni da intraprendere per tutelare l’acqua dall’inquinamento sono molteplici e ne citiamo qui solo qual- che esempio. Una delle risposte della tecnologia moderna a questo problema sono gli impianti di depurazione delle acque reflue, con nuove tecnologie tali da essere in grado di restituire l’acqua completamente depurata dal precedente inquinamento.
Le navi cisterna di nuova generazione provenienti dal- l’Unione Europea devono avere il doppio scafo per evi- tare fuoriuscite di idrocarburi in caso di incidenti. Per affrontare il problema dell’eutrofizzazione (figura), in passato le industrie hanno dovuto eliminare i fosfati dai prodotti detergenti e sostituirli con altre materie. La riduzione dei fertilizzanti usati in agricoltura o una conversione da un’agricoltura industriale a un’agricoltura biologica contribuirebbe a ridurre la quantità di fertilizzanti presenti nei corpi idrici.

www.fmtrattamentoacque.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl