Controlli europei sull’uso e l’abuso dei prestiti personali

08/set/2010 16.01.38 Supermoney Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il luogo comune che vuole gli italiani, popolo di formiche come nella favola di Esopo, assennati e abituati al rispamio sta velocemente lasciando spazio a un’immagine del Belpaese più disincantata e avvezza a ricorrere al credito al consumo.

Un fenomeno, prima quasi sconosciuto, che sta prendendo sempre più piede in Italia, soprattutto tra le famiglie, che per permettersi un elettrodomestico nuovo, una vacanza o l’automobile si indebitano a tal punto da saltare le rate o a non riuscire più a saldarle del tutto.

Il sistema creditizio italiano sta dando infatti i primi segni di cedimento stando ai dati diffusi in questi giorni dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori sui dati ABI relativi ai primi tre mesi del 2010: -5% è la richiesta di prestiti personali nel 2010, che si somma a un precedente -11% del 2009. Molte famiglie sono sull’orlo del precipizio economico e non posso più permettersi nemmeno di indebitarsi.

Le associazioni dei consumatori ritengono che la causa di questa situazione critica sia da imputarsi alla troppa facilità con cui le banche e le finanziarie hanno concesso i prestiti senza nessuna regolamentazione o tutela verso i clienti. Le nuove norme si rivolgono specialmente a coloro che non hanno dimestichezza con un linguaggio finanziario fatto di limiti e clausole a piè di pagina espressi in caratteri microscopici.

Un primo passo verso la risoluzione di questi problemi viene dalla Direttiva dell’Unione Europea 2008/48/CE entrata in vigore il 4 settembre 2010, ma che di fatto sarà attiva solo quando gli istituti finanziari si adegueranno alle norme in essa contenute. Presumibilmente non prima del 2011.

Le regole del decreto, in sintesi, rimettono al centro il consumatore, che deve essere consapevole di tutte le spese nella sottoscrizione di un contratto di credito al consumo e ha un diritto di recesso di 14 giorni. Massima trasparenza delle finanziarie anche nella pubblicità dei servizi di credito e chiarezza nell’informativa precontrattuale. Per evitare che i clienti si indebitino eccessivamente, oltre le proprie possibilità, scatteranno anche sistemi di valutazione uniformi e più precisi.

Inoltre, è notizia di ieri la nascita di tre nuove authority europee che si occuperanno di vigilare rispettivamente le attività di banche, assicurazioni e mercati europei. Le tre autorità saranno operative da gennaio 2011 e ad esse si aggiungerà anche l’Esrb, lo European Systemic Risk Board, che sotto la guida della Banca Centrale Europea vigilerà e lancerà allarmi in caso di rischi per la stabilità finanziaria della zona Euro.

Resta da vedere se tutti questi inviti delle istituzioni europee troveranno accoglimento da parte delle società del settore creditizio italiano. Nel frattempo, i futuri clienti possono conoscere e scegliere in modo facile e consapevole il proprio prestito personale attraverso il comparatore presente sul sito Supermoney.

 

Leggi l’articolo anche su Chiarezza, l’osservatorio del risparmio di Supermoney.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl