L’igiene orale non si ferma ai soli denti: lingua e gengive necessitano delle stesse cure.

L'igiene orale non si ferma ai soli denti: lingua e gengive necessitano delle stesse cure.

20/set/2010 14.56.27 Dentisti-Italia.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Una corretta igiene orale è ancora il consiglio elargito ad ogni occasione dalla maggior parte dei dentisti. Molte persone svolgono le azioni di igiene in modo errato o le svolgono senza la dovuta frequenza. I denti vanno spazzolati con grande cura ed attenzione, attraverso i moderni spazzolini, dotati di forme adatte a permettere di raggiungere le parti più nascoste del cavo orale. Importante anche l’uso di fili interdentali, per eliminare i residui di cibi tra i denti, e i colluttori, utili ad evitare infiammazioni della bocca. Anche lingua e gengive necessitano di una detersione giornaliera.

Per quanto riguarda i cibi, si sa che molti di essi a lungo andare si depositano sui denti formando una patina che attira i batteri e crea le condizioni giuste per l’attivarsi della loro azione, di certo pericolosa se non curata in tempo. Zuccheri, liquidi, residui di cibi tra i denti, vanno a formare il nutrimento di queste colonie batteriche, che a mano a mano si rafforzano fino a scalfire lo smalto protettivo e inserirsi all’interno del dente. Nei casi più gravi possono raggiungere anche il tessuto interno, fatto di legamenti e nervi. A quel punto il dolore diventa davvero insopportabile, e le cure di un professionista inevitabili.

Per quanto riguarda invece la masticazione essa deve essere sempre effettuata in modo regolare, in modo da non stressare la dentatura. La perdita di denti può rappresentare un ostacolo all’esatta masticazione, provocando per esempio errate occlusioni. Inoltre i denti tendono a riempire gli spazi che trovano vuoti, sconvolgendo così l’allineamento della dentatura. In casi del genere i professionisti consigliano l’utilizzo di apparecchi. Ce ne sono di vari tipi, dai fissi ai mobili, dagli esterni agli invisibili.

Infine la questione maggiore, la chiave di volta di tutta la faccenda: l’igiene orale. Quante volte lo abbiamo sentito dire fin dall’infanzia, dai genitori e dai dentisti, di lavare i denti almeno 2 volte al giorno, ovvero dopo i pasti? Eppure molto più spesso di quanto si creda le operazioni di igiene dei denti vengono effettuate in maniera errata e risultando dunque non sufficientemente efficaci. Perché l’igiene si possa dire corretta, bisogna strofinare bene tutte le pareti dei denti, non solo la parte frontale, ma anche gli angoli più difficili da raggiungere con lo spazzolino.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl