DEF LEPPARD, oltre l’hard rock

All'inizio Joe Elliott fu scelto come chitarrista ma fu immediatamente dirottato verso la voce perchè il gruppo non era convinto fino in fondo delle sue capacità come musicista.

19/set/2010 19.01.58 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

I Def Leppard versione "british" all'inizio

I Def Leppard sono un gruppo rock britannico tanto qualitativamente valido quanto umanamente sfortunato. Ma a volte la musica in generale ed il rock nella fattispecie aiuta non solo ad unire nonostante le avversità ma, anzi, a rinsaldarfe l’amicizia e l’unione tra i musicisti di un gruppo.

I Def Leppard (testualmente “leopardo sordo“) nascono a Sheffield, Inghilterra, nel 1977 ed ebbero presto un successo planetario grazie anche ad uno stile hard rock di ampio respiro e di facili melodie sempre decisamente molto commerciali anche se non per questo meno valide.

Il primo vero contratto lo ebbero con la Vertigo per la quale pubblicarono nel 1980 On through the night seguito, nel 1981 da High’n'dry che li fece notare al pubblico planetario anche grazie all’ondata del nuovo metal britannico (vedi Iron Maiden).

High'n'dry-1981

La formazione, agli inizi, era: Joe Elliott-voce, Rick Savage-basso, Pete Willis-chitarra, Tony Kenning-batteria, Steve Clarke-chitarra e voce. Ma, vuoi per un motivo vuoi per un altro, cambierà parecchio con gli anni. All’inizio Joe Elliott fu scelto come chitarrista ma fu immediatamente dirottato verso la voce perchè il gruppo non era convinto fino in fondo delle sue capacità come musicista.

Fino all’uscita di High’n'dry il gruppo aveva conosciuto un successo fondamentalmente negli States e poco nel vecchio continente, più che altro un successo di riflesso; con la pubblicazione nel 1983 di Pyromania la fama dei Def varcò l’oceano e sbarcò anche in Europa. Per rendersi conto del successo che quell’album ebbe basti dire che le vendite risultarono seconde solo a Thriller di Michael Jackson quell’anno.

Un primo avvicendamento nella formazione si ebbe con la cacciata, per abuso di alcolici di Pete Willis sostituito da Phil Collen che seguirà i Def Leppard alla chitarra fino ai giorni nostri. Il paradosso vuole che con quell’album fece notare ed esplodere i Def Leppard in tutto il mondo fuorchè nel loro paese natio, la Gran Bretagna dove rimasero ancora parzialmente nell’ombra.

Fino alla pubblicazione di Hysteria che, però vide la luce parecchio tempo dopo perchè il batterista, Rick Allen fu costretto all’amputazione di un braccio come conseguenza di un terrificante incidente d’auto che costrinse, per l’appunto, il gruppo a ritardare di parecchio la pubblicazione dell’album. Il gruppo, nonostante la sventura capitata ad Allen si strinse attorno ad Allen e non se la sentì di rimpiazzarlo per cui alla fine del 1987 vide la luce uno degli album più belli e venduti di tutti i tempi.

Nonostante la fortuna ed il successo  planetario che Hysteria portò al gruppo un’altra sventura di abbattè sui Def Leppard nel 1991 con la scomparsa del chitarrista Steve Clark per abuso di alcolici sostituito stavolta da Vivian Campbell. I Def però, nonostante tutto, continuarono a macinare successi anche se, chiaramente, mai più arrivò un lavoro così potente, incisivo e di ampio respiro come Hysteria.

L’anno successivo, il 1991, fu la volta di Adrenalyze sempre di gran successo e pregevole qualitativamente ma, si sa, i capolavori sono difficili da emulare e impossibile da ripetere  anche se contribuì sostanzialmente a rinforzare il successo della band britannica soprattutto con brani come Let’s get rocked. Dopo tanti successi non potè non giungere anche la raccolta che fu pubblicata nel 1994 col titolo di Retro-Active (tutte b-sides) e l’anno successivo con il titolo di Vault (il classico “the best of”). Il video di Let’s Rocked, tra l’altro, vinse nel 1992 il premio come miglior video dell’anno all’Mtv Video Music Award.

Piccola curiosità: nel 1995 i Def Leppard entrarono nel Guinness dei Primati per essere riusciti a suonare in tre paesi diversi (Marocco, Inghilterra e Canada) nell’arco della stessa giornata. Slang, pubblicato nel 1996 fu una sterzata verso il rock alternativo ma, purtroppo, questo esperimento scontentò un pò tutti sia fans che critici ed in effetti rappresentò un sonoro flop anche se Q Magazine, rivista specializzata, nominò l’album come migliore lavoro rock dell’anno.

Un ritorno ai suoni a loro più consoni avvenne con l’uscita di Euphoria nel 1999 che, di conseguenza, ebbe anche un grande e meritato successo commerciale diventando anche disco d’oro in Canada e negli Usa. Con scarsa fantasia per quanto riguarda il titolo, il decimo disco del gruppo si intitolò X che uscì nel 2002 il quale ebbe un successo tanto intenso quanto breve.

Lo stemma impresso nel cemento a Sheffield nel 2006 nella Rock Walk of Fame

Dopo la pubblicazione nel 2006 di Yeah, raccolta di cover di varie star della musica rock (David Bowie, Thin Lizzy, Blondie, ecc.) uscì quello che a tutt’ora rimane il loro ultimo lavoro, Songs from the Sparkle Lounge, bel lavoro con sonorità classiche del gruppo. Ad oggi il gruppo continua sempre a girare il mondo in tour proponendo i loro successi, orgoglio di una meravigliosa carriera più che ventennale.

I Def Leppard ai giorni nostri

Il sito ufficiale dei Def Leppard

I Def Leppard su MySpace

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl