Assicurazioni sul piede di guerra: in arrivo la Banca Dati antifrodi

11/ott/2010 15.58.10 Supermoney Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il settore auto nelle ultime settimane sta catalizzando l’attenzione delle assicurazioni: prima le affermazioni del presidente dell’Antitrust sulla mancanza di concorrenza nel mercato delle assicurazioni auto italiane, poi la smentita del presidente dell’Ania, Fabio Cerchiai, che ha puntato il dito contro il gran numero di sinistri del nostro Paese, unici responsabili dell’aumento spropositato delle polizze nostrane.

L’ultima notizia sull’argomento ci giunge però dall’Isvap, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo, il cui presidente Gianfranco Giannini ha dichiarato ad Affari&Finanza di Repubblica: «Siamo pronti per lanciare la Banca Dati Sinistri, che partirà il primo gennaio prossimo».

Della novità, che dovrebbe calmierare le tanto contestate tariffe Rc auto italiane, se n’era parlato già un mese fa quando l’Isvap sull’onda delle consuete polemiche per il caro Rc auto e i dati allarmanti sui sinistri criminosi (incidenti creati “ad arte” per poter riscuotere il relativo premio) nel nostro Paese, aveva pensato di correre ai ripari creando questo database di autotutela.

«È riduttivo chiamarla “banca dati” – ha proseguito Giannini - perché in realtà sarà uno strumento per scoprire le frodi. Basterà inserire il nome di una persona o una certa targa per vedere tutti i sinistri in cui sono stati coinvolti, anche soltanto come testimoni».

Il sistema funzionerà sulla base di sei “fattori d’allarme” chiamati parametri di significatività che scatteranno al verificarsi di certe condizioni. Per esempio, nel caso in cui una persona sia coinvolta in qualità di proprietario, contraente o conducente di un veicolo interessato, danneggiato o testimone di uno o più sinistri stradali a seconda del lasso di tempo considerato.

Il presidente dell’Isvap si è detto «fiducioso» che il progetto possa portare a «qualche risultato», ossia alla riduzione delle tariffe Rc auto tanto auspicata dalle associazioni dei consumatori che la rivendicano da tempo.

Nell’attesa che questa banca dati diventi operativa all’inizio del 2011, un altro servizio che gli automobilisti possono consultare gratuitamente e con facilità è quello del sito Supermoney, che con il comparatore dei prezzi delle assicurazioni auto aiuta l’utente a trovare l’offerta più adatta alle proprie necessità.

 

Leggi l’articolo anche su Chiarezza, l’osservatorio del risparmio di Supermoney.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl