Grande Vittoria degli Odontotecnici Spagnoli, i veri esecutori della riabilitazione protesica, la buona salute del consumatore

05/nov/2010 08.02.44 Rosario Muto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 Grande Vittoria degli Odontotecnici Spagnoli, i veri esecutori della riabilitazione protesica, la buona salute del consumatore
 
 La Corte di Cassazione di Madrid ha sentenziato in via definitiva che
 essendo gli odontotecnici una professione con pari diritti a quella degli
 odontoiatri ha la facoltà di fatturare direttamente al paziente ed il
 paziente, a sua volta, deve essere messo in grado dall'odontoiatra di
 scegliere a quale laboratorio rivolgersi per farsi fare la protesi
 prescritta, attestando così la piena indipendenza dell'odontotecnico
 rispetto all'odontoiatra.
 
 Questo è il risultato finale di una battaglia legale partita nel 2006, da
 quando cioè il Dipartimento della Famiglia e degli Affari Sociali di Madrid
 aveva decretato che per la concessione di aiuti economici per le protesi di
 persone anziane disagiate, coloro che ne volevano beneficiare dovevano
 presentare la fattura per la protesi emessa dall'odontoiatra o dalla clinica
 dentale.
 
 Poiché, in Spagna, la legge vieta al dentista di fatturare al paziente la
 protesi che acquista dall'odontotecnico, il Collegio degli Odontotecnici di
 Madrid si era opposto a questo ordine sollecitando che fosse direttamente il
 paziente e non il dentista a presentare la fattura emessa dal laboratorio e
 vincendo la causa.
 
 Il Dipartimento della Famiglia e degli Affari Sociali di Madrid ha fatto
 ricorso al Tribunale Supremo contro la Sentenza di Primo Grado, ma il
 Tribunale Supremo ancora una volta ha dato ragione al Collegio degli
 Odontotecnici motivando la sentenza con il fatto che essendo gli
 odontotecnici una professione sanitaria in base ad una legge del 1986,
 secondo il Decreto sui Prodotti Medicali, in quanto appunto professione
 sanitaria, l'odontotecnico deve avere pari diritti di fronte alla legge
 rispetto all'odontoiatra e deve avere completa capacità, responsabilità e
 autonomia imprenditoriale e quindi deve avere il diritto di emettere le
 proprie fatture senza essere subordinato ad un'altra professione sanitaria o
 ad altri soggetti.
 
 Inoltre la Corte Suprema ha riconosciuto che il decreto del Dipartimento
 della Famiglia e degli Affari Sociali di Madrid violava anche il diritto del
 paziente di essere informato e di poter entrare in possesso della
 documentazione clinica che lo riguarda e, recita la sentenza, "...come
 principio base tutte le azioni nell'ambito della sanità, richiedono in linea
 generale il consenso del paziente, o il paziente deve essere messo nelle
 condizioni di poter decidere liberamente fra le opzioni cliniche
 disponibili, dopo aver ricevuto le informazioni adeguate. L'articolo 3 del
 medesimo decreto regola il concetto di "libera elezione" coma la facoltà del
 paziente di optare liberamente e volontariamente fra due o più alternative
 terapeutiche e fra diversi professionisti o centri di assistenza."
 
 Questa sentenza stabilisce quindi due cose:
 
 1) Il laboratorio deve fatturare direttamente al paziente
 
 2) Il paziente deve essere messo in condizioni di scegliere fra più
 laboratori e più opportunità riabilitative.
 
 Nell'esprimere la loro profonda soddisfazione per l'esito del procedimento
 le AAOO spagnole hanno sottolineato come questa sentenza garantisce la
 tutela degli utilizzatori delle protesi, concedendo a loro il diritto di
 eleggere liberamente il proprio laboratorio odontotecnico, così come accade
 per gli audiometristi, i podologi e gli ortopedici che, una volta ricevuta
 la prescrizione, possono rivolgersi al professionista prescelto e come
 accade per le farmacie dove il paziente, una volta ricevuta la prescrizione
 può scegliere liberamente a quale farmacia rivolgersi per acquistare i
 medicinali.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl