Mamadou Dioume "Scontro di negro contro cani I"

20/nov/2002 22.51.34 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

La Corte Ospitale

produzione, promozione, formazione, ricerca per il teatro

 

L'Ospitale 2002-2003

 

 

 

venerdì 22 novembre 2002, ore 21

L'Ospitale, via Fontana 2 Rubiera RE

  

 

 

Scontro di negro contro cani I

esito dell'Atelier diretto da Mamadou Dioume

 

direzione artistica e regia Mamadou Dioume

 

training e collaborazione artistica Massimo Giudici, Marco Giachino

con Massimo Giudici, Giorgio Carugno, Marco Giachino, Matteo Carlomagno, Edoardo La Scala, Francesca Ciocchetti, Max Fanelli

e con gli allievi dell'Atelier delle Arti Patrizia Barbieri, Annalisa Canfora, Elena Cavallo, Caterina Cingolani, Alessandra Ferrari, Andrea Fici, Linda Germanis, Maria Pia Ricchieri, Carolina Talon Sampieri, Francesca Tamagnini, Benedetta Zonza

musica e suoni Giulio Berutto scenografia Marco Giachino

video e foto Matteo Carlomagno, Edoardo La Scala organizzazione Max Fanelli

 

Compagnia Atelier

 

 

 

Mi capita talvolta di dirmi, mentre sto con una persona che in niente ma proprio in niente fuor che nel fatto di mangiare, dormire e camminare, assomiglia ad un'altra persona: e se le presentassi fra di loro, cosa accadrebbe? Nella realtà non accadrebbe certamente niente; i cani, sì, loro accettano senza problemi ogni persona senza mostrare disagio di fronte alla diversità. Per gli uomini non è così, e ci vogliono condizioni, fatti o luoghi particolari per costringerli a guardarsi e a comunicare; la guerra, penso, o la prigione; oppure, sicuro, un palcoscenico. Bernard-Marie Koltés

 

Presenza di prestigio internazionale a L'Ospitale di Rubiera RE, venerdì 22 novembre alle ore 21, dove Mamadou Dioume, maestro cresciuto alla scuola di Peter Brook, memorabile interprete del Mahabharata, presenterà una prova aperta del percorso di esplorazione intorno a Scontro di negro contro cani di B. M. Koltès, che ha condotto e diretto con la Compagnia Atelier e con gli undici partecipanti al primo atelier, iniziato il 13 novembre scorso (i due atelier successivi si terranno a gennaio e ad aprile 2003, per informazioni e iscrizioni La Corte Ospitale  tel 0522 621133).

"Incontro - scontro. Ci piace usare queste due parole - scrive la Compagnia Atelier - per dare una definizione di quello che ci proponiamo quale percorso di lavoro. Ritroviamo inoltre in esse un filo rosso che unisce la nostra storia sia individuale sia collettiva. Proprio gli incontri (e gli scontri) tra individui sono stati e sono tuttora la linfa vitale della crescita e dello sviluppo della fitta rete di scambi creativi che hanno caratterizzato il rinnovamento del lavoro dell'attore e dell'arte teatrale negli ultimi cinquanta anni. Ma ora è necessario guardarsi intorno e interrogarsi nuovamente sul senso del fare teatro oggi".

"Non crediamo nelle risposte assolute in questo senso; crediamo, al contrario, nella ricerca di un teatro che nella pratica concreta e nel lavoro personale e collettivo trovi il proprio spazio ed il proprio senso rispetto alla realtà circostante, attingendo alla fonte del profondo bagaglio, delle proprie origini ed alle energie delle persone che con esso si confrontano".

"Ancora una volta torna alla ribalta l'immagine dell'incontro/scontro quando scegliamo di lavorare su un testo quale Combat de negre et de chiens (Scontro di negro contro cani) di Bernard-Marie Koltés. Dietro il lavoro di questa persona sentiamo nascondersi qualcosa di profondo e di universale che in questo momento fortemente ci attira quale territorio di indagine per una creazione spettacolare. Inoltre la sensazione che Koltés sia il primo anello di un'invisibile catena che termina all'altra estremità con Shakespeare, ci porta a considerare questa esperienza quale un piccolo cerchio concentrico che, allargandosi verso uno più grande, ci avvicina a King Lear. Proprio la suggestione di un Lear cieco (?!) e folle (?!) che, insieme con il suo Buffone, si aggira per le strade e le piazze di una nostra moderna ipotetica qualunque città, ci è sembrata un'immagine adatta ad illustrare una metafora illuminante del percorso da intraprendere. Perché teatro, oggi? Come teatro, oggi? Dove teatro, oggi?"

Posto unico 5,00€; ridotto 4,00€ (possessori Card, fino a 25 anni, oltre 60 anni, studenti Università di Reggio Emilia e Modena). Sconto di 1,00€ ai possessori di Ring Card.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Corte Ospitale

produzione, promozione, formazione, ricerca per il teatro

via Fontana 2, 42048 Rubiera (RE)  tel +39 0522 621133 fax +39 0522 262343

info@corteospitale.org

www.corteospitale.org

 

 

 

 

 

____________________________

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l'indirizzo che vorrete immediatamente rimosso dalla mailing list. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl