Se avete soldi da parte, è il caso di comprare casa

09/nov/2010 16.23.43 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Corriereconomia lunedì ha avvertito i suoi lettori: quello che stiamo vivendo è, probabilmente, il periodo migliore se si ha intenzione di fare un investimento immobiliare. O, meglio, di cambiar casa. Ma sempre se avete un buon reddito e adeguate garanzie su cui contare.

Su cosa si basa questa affermazione? È presto detto: i tassi dei mutui sono diminuiti come i prezzi delle case nell’ultima decina di anni, a differenza degli stipendi, sia del pubblico che del privato, che risultano cresciuti. Una buona contingenza testimoniata anche dall’aumento delle erogazioni di mutui, cresciute attorno al 10% quest’anno secondo una stima diffusa dall’Abi. Ma attenzione: nel rapporto tra stipendi, mutui e prezzi le case di Roma, tra le principali città, costituiscono l’eccezione che conferma la regola. Quindi, se abitate nella capitale, la situazione è meno favorevole che altrove.

In realtà, l’inchiesta evidenzia che, da solo, l’incremento degli stipendi non riuscirebbe a compensare quello dei prezzi delle case, che si attesta attorno al 65% nell’ultimo decennio, con un picco vertiginoso del 120% a Roma, appunto. Ma se si decide di vender casa per acquistarne un’altra, il ragionamento cambia perché le condizioni dei mutui, a tasso fisso e a tasso variabile, sono nettamente migliorate. Rispetto ai livelli del 2007, le città nelle quali le condizioni sono più favorevoli sono Palermo e Genova. Anche Milano e Roma riportano dei vantaggi, ma se il paragone viene fatto con le condizioni del 2000 la capitale, visto l’aumento vertiginoso dei prezzi delle case, vede il segno negativo.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl