Ecco le città d’Italia dove il rischio criminalità è più alto

Ecco le città d'Italia dove il rischio criminalità è più alto Si fa un gran parlare, a livello giornalistico ma anche sul piano della politica "alta", dell'importanza degli indicatori e della necessità di individuarne di completi ed esaustivi sulle condizioni di vita di una determinata zona.

16/nov/2010 18.36.02 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Si fa un gran parlare, a livello giornalistico ma anche sul piano della politica “alta”, dell’importanza degli indicatori e della necessità di individuarne di completi ed esaustivi sulle condizioni di vita di una determinata zona. Tanto per fare un esempio, si sta discutendo molto sul Pil, ossia l’indicatore relativo al Prodotto Interno Lordo, e sulla necessità di sostituirlo o affiancarlo con indicatori più completi, che tengano conto non solo della ricchezza, ma anche di altre variabili relative a servizi, istruzione, salute, speranza di vita ecc.

Ovviamente, se si applica l’assioma a un’esperienza più limitata, è evidente che alcuni dati possano fornire una descrizione oggettiva, anche se parziale, di un territorio. Ad esempio, i dati relativi alla criminalità, pubblicati recentemente dal Sole 24 Ore, appartengono a questa categoria. Dati che spesso contraddicono l’opinione comune, mentre, altre volte, sembrano confermarla. Interessanti sono, ad esempio, le informazioni relative agli scippi, che vedono sul podio le province di Catania, Napoli e Bari. Per quanto riguarda le frodi informatiche, invece, al primo posto troviamo Napoli, seguita da Bologna e Isernia.

In base ai numeri, però, le tipologie di crimini più diffuse sono i reati contro la proprietà e soprattutto i furti negli appartamenti, superati, quanto a frequenza, soltanto dai furti d’auto. In base al numero di rapine ogni diecimila abitanti, ai primi tre posti si piazzano città come Lucca, Asti e Pavia, con 24, 22 e 20,5 furti ogni 10mila abitanti. Le grandi città si collocano qualche gradino più in giù: per quanto riguarda le case di Bologna il rischio è 13,3, a Roma addirittura 11,3; più su Torino con 17,6, Milano con 17,4, mentre Napoli ha addirittura 5,8 furti ogni 10mila abitanti. Le case più tranquille risultano quelle di Potenza, Oristano e Crotone. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl