com stampa/ ANTONELLA RUGGIERO: ecco "I REGALI DI NATALE", il doppio album con canti della tradizione natalizia nazionale e internazionale

24/nov/2010 13.48.18 Daniele Mignardi promopressagency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato Stampa

 

Antonella Ruggiero

“I regali di natale”

 

 

 

“I regali di Natale” (su etichetta “Libera”) è il nuovo doppio album di Antonella Ruggiero, in uscita questo weekend - prodotto da Roberto Colombo - interamente dedicato alla rilettura dei canti della tradizione natalizia nazionale e internazionale.

 

In copertina, Antonella fotografata a 27 mesi. Nella grafica del disco e del booklet compaiono, assieme ai testi dei canti, le fotografie dei giocattoli che Antonella ha ricevuto in regalo ogni  Natale della sua infanzia: “Questa sono io da piccola”, scrive l’artista all’interno del disco, “e questi sono i regali di Natale che ricevevo di anno in anno, un pò alla volta. Era un periodo dell’anno davvero straordinario, ammaliante ed era l’attesa di qualcosa di bello, e bella era proprio l’attesa. Immaginare, fantasticare, senza capire, ma semplicemente gioire, come solo i bambini sanno fare”.

 

Antonella Ruggiero intraprende, cosi, un cammino attraverso la tradizione storica del Natale, ripercorrendone le varie fasi, dal preludio al più grande evento della Cristianità, sino ai momenti successivi alla nascita di Cristo. L’Avvento, l’Annunciazione, le figure di Giuseppe e Maria, la nascita di Gesù, gli Angeli, i pastori, la proclamazione, le ninnananne e poi i canti dell’inverno e di ringraziamento animano “I regali di Natale”, proposti con modernità ed eleganza dall’inimitabile voce di Antonella Ruggiero.

La scelta del repertorio spazia dal Medio Evo al XX secolo, con brani in italiano, latino, e un omaggio al dialetto sardo.

 

Questi i canti contenuti nel doppio album: “Veni veni Emmanuel”; “Noel, Noel, è nato il redentor (oh holy night)”; “Il piccolo tamburino (the little drummer boy)”; “Panis Angelicus”; “Quem pastores laudavere”; “In notte placida”; “Duos isposos”; “Deck the halls”; “Mille cherubini in coro”; “Gaudete”; “Alberi di natale (o tannenbaum)”; “Gloria in excelsis deo (les anges dans nos campagnes)”; “God rest ye merry, gentlemen”; “Adeste fideles”; “O sanctissima (o du fröhliche)”; “Laudate dominum”; “ Noel, Noel (the first nowell)”; “Ave Maria”; “Stille Nacht (astro del ciel); “Bianco Natale (white christmas)”

 

L’album è stato interamente realizzato in studio, tra Milano e Berlino, ad eccezione di “Bianco Natale” e “Stille Nacht”, registrati dal vivo a Betlemme e Gerusalemme con la prestigiosa orchestra sinfonica “I Virtuosi Italiani” - una delle formazioni più in vista del panorama classico e contemporaneo - e trasmessi da RaiUno il mattino del Natale di un anno fa.

 

Accanto ad Antonella Ruggiero ruotano i migliori musicisti italiani: Mark Harris (pianista americano storico collaboratore di Fabrizio De André), Massimo Moriconi (per anni contrabbassista nei dischi di Mina), Daniele Di Gregorio (percussionista e vibrafonista di Paolo Conte), Maurizio Colonna (grande virtuoso della chitarra classica), “Arkè String Quartet” (modernissimo quartetto frequentatore dei migliori palcoscenici mondiali), “I Virtuosi Italiani”, sino ad attingere alla crème del jazz italiano rappresentata da Paolo Di Sabatino, Stefano Dall’Ora, Ivan Ciccarelli, Massimo Manzi, Renzo Ruggieri, Davide Di Gregorio e “Oficina Guitart”.

La partecipazione di tali musicisti di primissimo piano ha permesso di creare un’ambientazione sonora magica e di dar vita ad arrangiamenti al tempo stesso raffinatissimi ma capaci di trasmettere all’ascoltatore l’atmosfera di raccoglimento e di semplicità che anima il Natale.

 

La scelta di realizzare un progetto discografico ora in cui più forte si avverte la necessità di momenti di raccoglimento e di spiritualità non avviene casualmente, ma deriva, quasi inevitabilmente, del percorso artistico intrapreso da Antonella Ruggiero, sin dal 2001, con “Luna crescente/Sacrarmonia”, dove affrontava con spiccata originalità i temi della musica sacra internazionale.

Il progetto si è poi sviluppato nel tempo e ha avuto ampia possibilità di essere apprezzato dal pubblico, con oltre 200 applauditissimi concerti in tutto il mondo. Nel corso di quasi un decennio in cui il progetto si è articolato andando alle radici della tradizione musicale internazionale, attorno ad Antonella Ruggiero si sono avvicendati diversi organici musicali, da quelli più ristretti e cameristici, sino alla grande orchestra sinfonica, permettendo all’artista una lettura del repertorio da ogni possibile angolazione.

 

In questo nuovo progetto musicale la strumentazione è minimale ed è composta da: pianoforte, contrabbasso, percussioni e fisarmonica; vibrafono, marimba e saxofono/flauto; duo di chitarre classiche e violoncello; quartetto d’archi, vibrafono o pianoforte; chitarra classica, uniti ad un utilizzo appena accennato dell’effettistica elettronica  di Roberto Colombo.

 

 

 

Ufficio stampa e Comunicazione Antonella Ruggiero:

Daniele Mignardi Promopressagency

Tel/fax 06 32651758 r.a info@danielemignardi.it -

rif. Vincenza Petta (mobile: 340.1823381)

 

  

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl