Far conoscere alla comunità i Diritti Umani

14/dic/2010 15.51.37 Walczyk Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Concluso l'intenso week-end di informazione sulla Dichiarazione Universale in celebrazione del suo 62-esimo anniversario

ROMA  14 dicembre  2010 - Si è conclusa con successo l’attività di informazione in occasione dell’anniversario sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. A partire dal venerdì e fino alla domenica, un susseguirsi di attività informative su questo prezioso documento delle Nazioni Unite hanno segnato un’altro passo importante verso la convivenza pacifica.
Sabato pomeriggio, nell’auditorium della Chiesa di Scientology di Roma, in Via della Maglianella, 375 , si è svolta la manifestazione “Diritti Umani:Le radici della pace per l’umanità”. Prendendo le mosse dagli abusi sui diritti degli aborigeni nella terra di Australia agli albori della colonizzazione, con la suggestiva esibizione di Antonio Biondi al suono del suo dedgeridoo, lo strumento tipico aborigeno che distingue la cultura e l’etnia di questo popolo, si è passati alla lettura di alcuni brani della saggezza di questa etnica in cui si ritrova un profondo rispetto per la vita e la dignità di ogni essere vivente. A seguire anche il noto chitarrista Flavio Cucchi ha dato il suo contributo intrattenendo il pubblico con una sua speciale esibizione rappresentando il diritto alla libertà di espressione. Intercalati tra questi momento di cultura e musica i video della Fondazione "Youth for Human Rights", trasposizione visive di un minuto di ciascuno degli articoli della Dichiarazione Universale.
Altri momenti di informazione sono state tenuti dai volontari di Gioventù per i Diritti Umani nelle scuole, con gli strumenti didattici della Fondazione dall'elevato standard comunicativo e informativo che portano soprattutto ai giovani i fondamentali diritti cui sono titolati per nascita incitandoli a diventare i futuri paladini della pace e della tolleranza.
L’attività dei volontari e di tutti i collaboratori è volta all’informazione cogliendo l‘invito dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel preambolo della Dichiarazione e applicando, di fatto, il 29-esimo diritto, ovvero la responsabilità che ogni individuo dovrebbe avere per far si che i suoi diritti, e quelli degli altri, siano protetti e praticati, affinché, come osservato dall'umanitario L. Ron Hubbard, i diritti umani diventino "una realtà, non un sogno idealistico".
 
Per informazioni:
www.youthforhumanrights.org
dirittiumani.romaorg@gmail.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl