Un anno di attività per Gioventù per i Diritti Umani

Un anno di attività per Gioventù per i Diritti Umani Decine di migliaia di persone portate a conoscenza della Dichiarazione Universale delle Nazioni Unite ROMA 27 dicembre 2010 - La sezione romana di "Gioventù per i diritti umani" conclude il 2010 con un doppio appuntamento: domani con intervento in zona Ottaviano a Roma, che vedrà impegnati i volontari in una distribuzione di materiale informativo sulla Dichiarazione Universale, con cui invitano a firmare la petizione popolare per rendere i diritti umani materia di studio nelle scuole italiane.

28/dic/2010 00.57.45 Walczyk Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Decine di migliaia di persone portate a conoscenza della Dichiarazione Universale delle Nazioni Unite


ROMA 27 dicembre 2010 - La sezione romana di “Gioventù per i diritti umani” conclude il 2010 con un doppio appuntamento: domani con intervento in zona Ottaviano a Roma, che vedrà impegnati i volontari in una distribuzione di materiale informativo sulla Dichiarazione Universale, con cui invitano a firmare la petizione popolare per rendere i diritti umani materia di studio nelle scuole italiane. Giovedì 30 dicembre invece è previsto uno stand informativo in un centro commerciale di Terni.


Quest’anno ha visto la sezione romana portare la consapevolezza dei diritti umani sanciti dall'Onu il 10 dicembre 1948 ad oltre 10.000 persone, mentre migliaia sono state le firme di petizione raccolte. Sono stati distribuiti centinaia di DVD che illustrano i 30 diritti sotto forma di minispot ed di copie de “La storia dei diritti umani”, documentario sulle travagliate vicende che hanno portato all'affermazione della Dichiarazione Universale nel 1948. Questa importante pubblicazione, prodotta da “Gioventù per i Diritti Umani Internazionale” sviluppa quindi la storia dei diritti umani negli ultimi 2500 anni.


L’attività dei volontari prende le mosse dalla domanda, “Se le persone non conoscono i diritti umani, come riusciranno a rispettarli e farli rispettare?”


Da un rapporto di Amnesty International del 2008 emerge che in 81 nazioni è in vigore ancora la tortura, in altre 54 si svolgono processi ingiusti, ed in almeno 77 nazioni non esiste la libertà di parola. La lista delle violazioni dei diritti umani è ancora molto lunga. L’umanitario L.Ron Hubbard auspicava che “i diritti umani devono diventare una realtà, non un sogno idealistico”. I volontari della sezione romana raccolgono l'appello e portano avanti azioni concrete per rendere i diritti umani una realtà soprattutto tra i giovani.


Per informazioni:


www.youthforhumanrights.org


dirittiumani.romaorg@gmail.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl