comunicato stampa

03/ago/2005 18.03.54 centro studi sicurezza Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

RAPINA PORTAVALORI: MUORE COLLEGA A GENOVA




Alessandro Marmello, Presidente del Centro Studi Sicurezza, interviene in merito alla tragica morte della Guardia Particolare Giurata di Genova. La nostra categoria tuona Marmello è quotidianamente soggetta a rischi di ogni genere; questo tragico evento è la riprova che la nostra categoria, come da anni affermiamo, è purtroppo in balia degli attacchi dei malviventi. I colleghi morti sino ad ora sono più di quaranta negli ultimi 10 anni, e ciclicamente un collega viene ridotto in fin di vita grazie al una legge che non tutela noi guardie. Innumerevoli sono stati prima di questo tragico evento i casi di portavalori assaltati selvaggiamente da malviventi, migliaia sono state le segnalazioni di disagio e delle condizioni precarie nelle quali svolgiamo il nostro servizio senza mai essere ascoltati dalle Istituzioni.

Difatti le guardie giurate non sono tutelate giuridicamente e svolgono senza qualifiche adeguate, gli stessi compiti di polizia e carabinieri con tutti i rischi che ne conseguono; ricordiamo infatti che negli ultimi tempi spesso le guardie vengono adoperate come deterrente in servizi antiterrorismo. Per la nostra categoria-continua Marmello- occorre una legge che ci tuteli, il Governo deve occuparsi a mandare avanti la legge che da tempo è arenata in Parlamento. Non è concepibile che nel 2005, degli operatori della sicurezza siamo solo degli operai generici senza potere di fermo e regolamentati da un Regio Decreto del 1931!



Alessandro Marmello Presidente

Centro Studi Sicurezza

349/3430009






____________________________________________________________
Libero Flat, sempre a 4 Mega a 19,95 euro al mese!
Abbonati subito su http://www.libero.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl