Eroina: non abbassare il livello di guardia

Oltre 50 siringhe abbandonate rimosse ad Ostia Roma 2 febbraio 2011 - Questa mattina i volontari di Missione Antidroga si sono recati nella pineta delle acque rosse ad Ostia Lido.

02/feb/2011 23.30.31 Drug Free World Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Oltre 50 siringhe abbandonate rimosse ad Ostia


Roma 2 febbraio 2011 - Questa mattina i volontari di Missione Antidroga si sono recati nella pineta delle acque rosse ad Ostia Lido. Oltre 50 le siringhe rimosse nell’area verde del litorale romano in un area che va da Via delle Baleniere a Via delle Molucche.

Quello dell’eroina, per una buona parte dell’opinione pubblica, è un fenomeno finito nel “dimenicatoio” mentre la realtà è ben diversa da ciò che si crede e la scena che i volontari hanno incontrato questa mattina smentisce ogni dubbio sulla scomparsa di questa sostanza. In voga agli inizi degli anni 70 ha trovato “l’apice dei consensi” fino agli inizi degli anni 80. Le cronache riportano quotidianamente avvenimenti infausti sull'uso di questa droga, avvenimenti che si aggiungono ai decessi per overdose.

Nonostante la massiccia campagna di informazione sull’eroina questa sostanza continua a mietere vittime. Perchè?

Anche la droga segue le leggi del mercato come qualsiasi altro prodotto inserito nei canali del commercio, ed anch’esso segue il principio offerta/domanda. Trenta anni fà l’eroina trovava un enorme domanda rispetto ad un offerta mediocre e quindi era anche molto costosa da aquistare, oggi l’apertura di nuove frontiere e nuovi mercati specie quelli in internet ha favorito l’aumento dell’offerta e conseguenzialmente un calo dei costi. Questo ha aperto il mercato a nuovi consumatori che hanno la possibilità di sperimentare “nuove esperienze” a basso costo.

Quella di Ostia è solo un riflesso di una scena che in realtà esiste su tutto il territorio nazionale. L'umanitario L. Ron Hubbard osserva : “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che rappresentano, comunque, l'unica ragione per vivere”. L’eroina, come altre sostanze stupefacenti priva, nel pieno senso dell’osservazione di L. Ron Hubbard, delle gioie e delle sensazioni mettendo l’individuo che ne fa uso in un totale stato di distacco da sé stesso, dalla la vita, dalla società ed dai suoi simili.

Per questo i volontari di Missione Antidroga continuano con le loro iniziative per portare consapevolezza su cosa sono veramente le droghe con l'obiettivo di un "mondo libero dalla droga"

Per approfondimento:

www.drugfreeworld.org

noalladroga.roma@gmail.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl