Bolgia 05 06 djs from the world: 17/0 Joe T vannelli, 24/9 Tony Humphries

01/set/2005 19.08.09 Lorenzo Tiezzi Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
17/9 djs guest: Joe T Vannelli, voce: Mc Cody
Resident: Intrallazzi

24/9 dj guest: Tony Humphries
Resident: Luka Bernaskone
Nel Privèe: Party Goldie... Il tema è quello dell’oro, con mascherine
che nascondono gli sguardi e regalano magia preziosa…

Inizia un’altra stagione tutta da ballare, al ritmo di tutti i colori
della house al Bolgia di Bergamo. La caratteristica delle serate 2005/6
del club sarà proprio questa: spazio alla musica house, in tutte le
sfumature e con tutti i suoi protagonisti italiani ed internazionali…
Si inizia il 17/9 con Joe T Vannelli, certamente il dj italiano più
noto, quello col pubblico più ampio e variegato, una vera star della
consolle, conteso da stilisti e dai migliori club europei. Si continua
il 24/9 con un vero mito, Tony Humphries, profeta della house più
black: ora soffice e piena di cantati, ora dura e ritmata, la musica di
Humphries ha fatto ballare praticamente tutti i club del pianeta… E la
scorsa estate i suoi set sono tra i più hot dell’intera stagione
ibizenca.

Una novità per il Bolgia anche dal punto di vista del design e
dell’architettura: un vero Tunnel of Love di lungo 30 metri e largo 3
che attraversa il locale accanto alla pista, da un bar all’altro. Non
una dark room claustrofobica e buia, ma un nuovo ambiente in cui la
luce è solo riflessa… Ma si vede con facilità, dato che il colore delle
pareti è chiaro. Un posto in cui fermarsi un momento a parlare,
riposarsi, conoscersi…

Joe T Vannelli
Dj e produttore italiano notissimo in Italia e all'estero, Joe ha
innanzitutto una splendida voce che talvolta usa ancora dopo averla
regalata a spot di brand come Glenlivet, Chloralit, Innocenti, Fiat,
Saab, Parmalat, Lotto… Come dj radiofonico e da discoteca, inizia la
sua carriera nel lontano 1977. Oggi è a capo di una casa discografica
(Jt Company), della one night house più seguita d’Italia (Supalova, il
giovedì a Milano, poi in tour in tutt’Italia) e di un programma sulla
radio più ascoltata d’Italia (Slave to The Rhythm su Radio Deejay). In
discoteca alterna le sue serate tra Italia ed estero.
www.joetvannelli.com

Tony Humphries
E’ una leggenda della house più vera, quella che nasce dalla musica
nerca. Alla nascita della House (termine che deriva dal Warehouse Club
di Chicago) o Acid House (com' era allora chiamata in Europa), Tony
Humphries era impegnato in America a costruire una differente scena
Dance, più tardi denominata Garage House, nome che è stato forgiato al
Paradise-Garage di New York. Tony Humphries si sente portatore di una
missione tutta sua e cioè quella di aiutare la scena dance di tutto il
mondo. “Non sono contento quando vedo che la componente Soul, Jazz e
Gospel presente nell' House-Music è costretta a rimanere in secondo
piano”, racconta lo stesso Tony: “per lasciare il posto ad un suono più
duro. Se sostengo e commercializzo, con l'aiuto di tutti, questo tipo
di musica, perlomeno è il testo originale che viene privilegiato e non
la versione di chi vuole capitalizzare su di essa, non dico di poter
fermare questo processo ma sto facendo di tutto per rallentarlo".



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl