Sostituire il materasso - Regola numero uno: individuazione del bisogno

18/feb/2011 07.20.33 Ale84 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Arriva per tutti, prima o poi, il momento di cambiare il proprio materasso. Quando cominciate a svegliarvi la mattina ancora stanchi o afflitti da qualche dolorino, questo è già un importante campanello d’allarme, il quale indica che il vostro materasso ha già fatto il suo tempo e va irrimediabilmente sostituito. Tenete conto del fatto che i dolorini aumenteranno presto nel numero e nell’intensità e che la vostra stanchezza cronica comprometterà anche le più consuete attività quotidiane. Pertanto, non avete molto tempo a disposizione per decidere sul da farsi; piuttosto, stabilito qual è il problema, dovreste impegnare le vostre risorse nella ricerca della soluzione più adatta al vostro problema. In effetti, questo sembra essere proprio il momento più critico, poiché esistono così tanti modelli di materasso in circolazione e altrettanti pareri e suggerimenti, da generare dubbi e dibattiti – il più delle volte inutilmente. Infatti, scegliere un buon materasso è molto semplice, seguendo poche semplici regole. La prima: quale problema vi ha spinto a voler sostituire il vostro materasso? Se avete dormito sullo stesso materasso a molle per più di 7 anni, il problema potrebbe essere presto risolto.

Quel materasso va sostituito perché vecchio. Non dovrete per forza rinunciare alle molle se non lo ritenete necessario. Molte aziende producono ancora materassi a molle dalle prestazioni eccezionali. I materassi dorelan, eminflex o fabricatore, tanto per citarne alcuni, sono prodotti di ottima qualità disponibili a prezzi davvero competitivi. Se invece cominciate ad avere problemi respiratori, è possibile che abbiate sviluppato qualche forma di allergia alla polvere o agli acari. In questo caso, un buon materasso in lattice potrà risolvere i vostri problemi di sonno. Il lattice è una resina completamente naturale e i materassi prodotti con questo materiale sono completamente sicuri e anallergici. I materassi in lattice sono disponibili anche nella variante Top Layer, un foglio di spessore variabile (in lattice, ovviamente) da appoggiare al materasso esistente. Arriva poi il tasto dolente, nel vero senso della parola! Se i vostri problemi sono a livello articolare o muscolare, le opzioni disponibili sono due: i letti ad aria e i materassi memory.

Nel primo caso, stiamo parlando di un vero e proprio materasso gonfiabile, da appoggiare sul pavimento o da inserire proprio nella cornice del letto. I materassi memory, invece, sono prodotti con una gommapiuma visco-elastica, chiamata appunto Memory Foam, la quale si ammorbidisce con il calore del corpo, garantendo il massimo relax e comfort durante il sonno. I benefici offerti da questi materassi, derivano principalmente dalla loro capacità di annullare i punti di pressione, causa fondamentale dei dolori articolari e muscolari. I materassi ad aria sono più economici rispetto ai materassi memory, ma questi ultimi rappresentano, in assoluto, la migliore soluzione per chi si appresta ad acquistare un nuovo materasso.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl