Andrew Myers: l’uomo che avvita i ritratti

13/mar/2011 16.06.13 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Quante volte vi  sarà capitato di riparare uno scaffale di casa, ma non avete colto il potenziale artistico delle viti che stavate usando?

Non è così per Andrew Myers, giovane e talentuoso artista che fonde le tradizioni culturali di molte realtà. Tedesco di nascita, è cresciuto in Spagna e si formato in California. Myers è stato folgorato da un bassorilievo raffigurante Santa Caterina a cui stava lavorando, quando ha deciso di creare le sue opere solo con gli strumenti del ferramenta.

Gli accostamenti di viti danno origine a spettacolari ritratti tridimensionali, veri mosaici metropolitani. Myers, per comporre le sue opere, parte da un pannello di legno compensato preforato, su cui fissa, con l’ausilio di un avvitatore elettrico, i gruppi di viti ossidate.

Come si può vedere dalle immagini, basta spostarsi ai lati del murales per svelarne la natura, ma la visione frontale è vivida e realistica.

Qualche curiosità: per ogni ritratto Myers utilizza circa 10mila viti e lo sfondo del pannello viene riempito da  brandelli di elenco telefonico, della zona da cui proviene il soggetto della scultura metallica.

 

Autoritratto di Andrew Myers


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl