SUCCESSO PER PROFESSIONE INMENSA - MEETING DELLA RISTORAZIONE COLLETIVA

04/set/2011 14.37.08 Circolo dei Buongustai Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato Stampa

 

 

PROFESSIONE INMENSA, PER UNA RISTORAZIONE COLLETTIVA DI QUALITA’.

Il Circolo dei Buongustai di Fabio Campoli firma il meeting della ristorazione collettiva, una giornata dedicata alle aziende del settore

Come si mangia in mensa e quanto in questi ultimi anni la ristorazione collettiva è cresciuta?

I numeri e le testimonianze riportate durante la V edizione di Professione inMensa, meeting della ristorazione collettiva, segnalano un’attenzione maggiore verso i servizi forniti da parte degli operatori e delle aziende che operano nel settore.

La ristorazione collettiva torna a essere protagonista con il consueto appuntamento di Professione inMensa, una giornata di incontri e di proposte, svoltasi sabato 2 aprile presso l’Auditorium del CAR di Guidonia (Rm),  con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e dell’Assessorato all’agricoltura della Regione Lazio, con aziende, chef, nutrizionisti e militari che hanno messo sotto la lente di ingrandimento il fattore “mensa”.

Nella tavola rotonda La mensa ideale, la mensa reale” si sono avvicendati ospiti del mondo dell’alimentazione, del marketing e di aziende leader con le loro case-history, i loro prodotti e servizi come Daniele Lambertini di Orogel, Valter di Felice di Scapa Italia, Dino Marotta di Mare in Tavola Bollicine e Alessandro Marini di Bioristoro Italia.

Dalla selezione degli alimenti sempre più sani, biologici o a km0 all’attenzione verso menu dedicati, intolleranze e progetti di educazione alimentare le aziende di ristorazione collettiva puntano sempre più a fornire una ristorazione di qualità, che si identifichi in gusto, cura dell’utente finale e un costo contenuto. Obiettivo finale è, dunque, una maggiore etica e responsabilità nei confronti del suo utente quotidiano: impiegati, militari, studenti e bambini, ammalati.

Dalla parte dell’utente e delle sue esigenze Raffaella Nobile, la direttrice di Ristorazione Collettiva, bimestrale di settore del gruppo “Sole 24h”, che ha presentato i risultati di un’inchiesta sulla qualità percepita da chi a mensa mangia ogni giorno. Altro aspetto importante e forse meno “popolare” è il comparto della ristorazione militare, rappresentata dal Capitano di Vascello Alessandro Pini, che durante la tavola rotonda ha esposto un’interessante relazione sulle esigenze alimentari del soldato nelle varie situazioni e di come queste vengano soddisfatte senza tralasciare tutti i fattori di equilibrio e benessere. Ospiti della giornata anche Massimo Pallottini  direttore generale del Centro Agroalimentare Roma.e Mauro Ottaviano direttore CARGEST, che hanno confermato il successo della partnership tra il CAR e il Circolo dei Buongustai per la valorizzazione dei prodotti dell’agroalimentare laziale.

Secondo lo chef Fabio Campoli, cha ha concluso i lavori l’obiettivo principe è diffondere la “cultura della formazione”, aspetto più che necessario, che va a incrementare il senso di etico alla base della professione.

Come lo stesso Presidente del Circolo dei Buongustai afferma: ”Il meeting è nato dall’idea di dar voce a un comparto spesso ritenuto di serie b e in questi cinque anni di lavoro, passo dopo passo, siamo riusciti a ottenere sempre più conferme dagli chef e dalle stesse aziende. Oggi il meeting ha il compito di creare confronto tra le realtà che operano per il “benessere” di chi ne usufruisce. Tutto ciò per dimostrare che anche le “cucine dai grandissimi numeri” possano offrire un servizio di alta qualità”. 

Alla tavola rotonda ha fatto da cornice l’esposizione dei menu per la ristorazione collettiva presentati da 12 team partecipanti, tra cui non solo le classiche aziende ma anche la Marina Militare, l’Aeronautica e l’Esercito Italiano, che hanno dato vita a originali allestimenti.  E nel pomeriggio la divertente gara di cucina calda “Le Ricette d’Orogel”, organizzata in collaborazione con la Orogel, in cui dieci chef selezionati si sono sfidati dal vivo ai fornelli con una loro ricetta e un prodotto fornito dalla azienda di surgelati. Vincitore del primo premio lo chef Mirko Campoli con Turbantino di spigola avvolto con panuree di erbe aromatiche con vellutata di piselli e millefoglie di verdure con aria di fumetto di pesce.

Anche quest’anno, dunque, Professione InMensa ha ottenuto il riconoscimento da parte degli operatori del settore presenti in questo momento di confronto. Lo stesso direttore del Circolo dei Buongustai, Armando Albanesi, si reputa soddisfatto della giornata: “Abbiamo trasformato nel tempo il Campionato della Ristorazione collettiva nel Meeting della Ristorazione Collettiva, con l’intento di creare un dialogo attivo e non competitivo, tra le grandi aziende e con loro approfondire meglio aspetti gestionali e organizzativi, e far emergere e sottolineare l’importanza del ruolo che svolge il settore della Ristorazione Collettiva, spesso non riconosciuto adeguatamente o legato ai soliti stereotipi di bassa qualità. La presenza di aziende come Orogel, Scapa Italia, Bioristoro Italia, Mare in tavola Bollicine, Mareno, Acqua di Nepi, Richard Ginori, Palombini e degli enti militari ci ha dato ragione”.

 Tutte le info e le foto di Professione  InMensa potete trovarli al sito dedicato

http://www.ilcircolodeibuongustai.it/professioneinmensa2011

dr.ssa Giusy Ferraina
Resp.Comunicazione
Il Circolo dei Buongustai
339 2939564

g.ferraina@ilcircolodeibuongustai.net

www.ilcircolodeibuongustai.net

 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl