Istruire la comunità sui Diritti Umani

13/apr/2011 00.25.53 Walczyk Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Continua la campagna di informazione sui 30 articoli della Dichiarazione Universale del 1948

Roma 12 aprile 2011 - Anche in questo inizio di settimana, centinaia di cittadini sono stati informati attraverso l'attività che i volontari romani di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale portano avanti da anni nella capitale attraverso uno stand informativo. I volontari hanno invitato come sempre alla sottoscrizione di una petizione popolare per introdurre l'insegnamento dei 30 articoli della Dichiarazione Universale in ambito scolastico.

Oltre all'articolato della Dichiarazione Universale, viene reso chiaro che, mentre alcuni dizionari definiscono la parola “diritto” come “un privilegio”, nel contesto dei diritti umani si parla di qualcosa di più basilare. Ad ogni persona vengono conferiti certi diritti fondamentali, semplicemente per il fatto di essere parte dell'umanità. Sono detti “diritti umani” perché non sono semplicemente un privilegio (che può essere tolto in base al capriccio di qualcuno). Sono “diritti” perché rappresentano qualcosa che è permesso essere, fare o avere solo per il fatto di nascere.

La persistenza dei volontari nel rendere i diritti umani ampiamente conosciuti, soprattutto fra i giovani, per creare i futuri paladini di pace e tolleranza, trova appoggio nell'osservazione dell'umanitario L. Ron Hubbard, che scrisse: “I diritti umani devono diventare una realtà, non un sogno idealistico”, invitando appunto alla creazione di un movimento per la pratica degli articoli della Dichiarazione Universale.


Per informazioni:

www.youthforhumanrights.org

dirittiumani.romaorg@gmail.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl