Itaca, ovvero quando la cooperazione entra in aula

04/mag/2011 17.10.10 Fastword Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dieci cooperative scolastiche si presentano sabato 7 maggio a Villa Emo di Fanzolo di Vedelago

Sabato mattina 7 maggio a Villa Emo di Fanzolo di Vedelago (Treviso), sede del Credito Trevigiano, 230 studenti parteciperanno al primo Meeting delle cooperative scolastiche della Marca Trevigiana. La manifestazione, che rientra nel progetto Itaca di Confcooperative Treviso, prevede la presentazione di dieci associazioni cooperative, costituite in questi anni all'interno delle scuole medie e superiori della provincia di Treviso. Si tratta di vere e proprie simulazioni d'impresa, in cui gli studenti hanno l'opportunità di mettersi in gioco, imparando a lavorare in gruppo, con il supporto di docenti e cooperatori.

Il progetto Itaca è stato avviato a Treviso già nell'anno scolastico 2007/2008. Promotrice è Confcooperative, federazione provinciale delle cooperative, con il sostegno della Camera di Commercio di Treviso e di alcune Banche di Credito Cooperativo del territorio, in primis il Credito Trevigiano di Vedelago.
La casistica di cooperative scolastiche sviluppate in questi anni è molto varia ed interessante. Si va dalla serra “Coltiva la Pace” della scuola media di San Floriano di Castelfranco Veneto, al servizio di babysitting durante i ricevimenti dei professori oppure nelle giornate di scuola a porte aperte “Il magico mondo” dell'istituto F. Nightingale di Castelfranco Veneto, al progetto di marketing “Il Grillo Parlante” dell'istituto turistico Mazzotti di Treviso, fino al catering multietnico per le feste di compleanno “Sweet&fun” dell'istituto alberghiero Alberini di Treviso.

“Fondamentale è il coinvolgimento dei professori, – commenta Katia Candiotto, responsabile area progetti di Confcooperative Treviso – quando i docenti si rendono conto che il metodo cooperativo è un sistema di lavoro vincente, diventano i nostri prima alleati”.

“Lavorare all'interno di una cooperativa scolastica – spiega Cecilia Zuppini della cooperativa sociale Comunica di Villorba, referente per il progetto Itaca – permette ai ragazzi di far emergere le loro competenze e potenzialità, impegnandoli in un'attività pratica, che li avvicina al mondo dell'impresa. La fase più complessa è il passaggio dalla parte teorica a quella applicativa: quando ci si riesce, si crea nel gruppo un senso di appartenenza senza precedenti”.

“Poter apprendere sui banchi di scuola i meccanismi dell’economia cooperativa – aggiunge Nicola Di Santo, presidente del Credito Trevigiano - consente agli studenti di acquisire maggiore consapevolezza, in vista della scelta lavorativa definitiva. In ogni caso, tale esperienza garantisce un legame più forte con il territorio, aiuta i giovani a lavorare in rete, trasmette valori validi anche nella vita sociale e civile. La
cooperazione, infatti, è un esempio di organizzazione economica che richiede responsabilità e capacità di adattamento, per uno sviluppo sostenibile ed integrale della comunità locale”.


Solo nell'anno scolastico 2010/2011 il progetto Itaca ha coinvolto 150 studenti della provincia di Treviso. L'iniziativa prevede una prima parte d'aula, con lezioni teoriche su che che cos'è un'impresa cooperativa e com'è organizzata; quindi si passa all'ideazione della cooperativa vera e propria, per concludere con la messa in pratica del progetto e l'avvio delle attività.
Per maggiori informazioni: servizi.treviso@confcooperative.it, tel. 0422.910926.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl