Infertilità secondaria: quando il secondo figlio non arriva.

Infertilità secondaria: quando il secondo figlio non arriva.. Tante in Italia le coppie che attendono invano l'arrivo del secondo figlio.

05/mag/2011 16.20.23 Assunta Rea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Tante in Italia le coppie che attendono invano l’arrivo del secondo figlio. Si tratta di un problema in costante aumento, denominato “infertilità secondaria” e che trova una possibile risoluzione nelle procedure di fecondazione assistita.

Fenomeno in progressivo aumento quello dell’infertilità. Studi recenti dimostrano che nei paesi industrializzati,  è circa una coppia su sette a richiedere una consulenza medica nella speranza di risolvere il problema. Un problema di cui tanto si parla ma che in pochi conoscono realmente.

Dunque, cos’ è esattamente l’infertilità?

L’infertilità è definita da molti autori come “l’incapacità a concepire dopo un anno o più di rapporti sessuali non protetti”. Si parla di infertilità “primaria” quando non vi sono state precedenti gravidanze, altrimenti di infertilità “secondaria”.

Quest’ultima presenta da qualche decennio una notevole incidenza. Sono tante infatti le coppie che tentano invano di dare un fratello o una sorella al loro primogenito. Come quella primaria, l’infertilità secondaria può riguardare l’uomo, la donna o entrambi i partner. Essere inspiegata o avere cause specifiche.

Tra i principali fattori determinanti il mancato concepimento:

·         L’età, mediamente più avanzata rispetto al passato

·         La maggiore diffusione delle malattie veneree

·         Cattivi abitudini come fumo e abuso di bevande alcoliche

·         Stress

·         Condizioni  ambientali sfavorevoli

·         Disfunzioni sessuali

·         Patologie pregresse

È bene dunque in questi casi rivolgersi quanto prima all’aiuto di un esperto di fecondazione assistita, metodica in grado di favorire l’incontro di un ovulo con un numero sufficiente di spermatozoi, nei casi in cui la fecondazione non avvenga in modo naturale.

Diverse le tecniche utilizzabili e diverse in Italia le strutture in cui è possibile sottoporsi a tale procedura. Tra queste il  Centro Chemis di Napoli, presidio sanitario specializzato in tecniche di procreazione medicalmente assistita  di I e II livello e ginecologia. Guidato dalle sorelle Iaccarino, la ginecologa Stefania e la biologa Mirella, la struttura si avvale di una valida equipe di esperti che si occupano di seguire la coppia durante l’intero iter diagnostico e terapeutico. Il tutto in un ambiente sereno e confortevole.

Per maggiori informazioni sulle prestazioni effettuate, visitare il sito del Centro Chemis.

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl