La tecnocreatività quale nuovo paradigma della comunicazione

Giuseppe Mascitelli, in collaborazione con Diego Biasi e Fabrizio Bellavista, è stato il promotore dell'incontro che si è svolto venerdì 13 maggio 2011, a partire dalle ore 15, presso le sede di Business Press, l'agenzia milanese di PR Integrate e comunicazione "social media positive" (Facebook è tra i suoi clienti).

18/mag/2011 13.33.18 redoffice Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

‘Tecnocreativi’, la tavola rotonda del 13 maggio, ha visto esperti di comunicazione, rappresentanti del mondo digitale, pubblicitari, artisti, docenti, accademici, registi e comici confrontarsi sull’unione tra cultura creativo-umanistica e tecnico-tecnologica. I vari punti di vista, anche in contrasto tra loro, hanno prodotto una condivisione fluida per una nuova vision nel campo della comunicazione

La tavola rotonda ‘Tecnocreativi’ è stata l’occasione in cui personalità del mondo della comunicazione, della televisione, del digitale e dell’università si sono incontrate e confrontate sulla tecnocreatività, che unisce in uno stesso concetto la componente umanistica e quella tecnica. Giuseppe Mascitelli, in collaborazione con Diego Biasi e Fabrizio Bellavista, è stato il promotore dell’incontro che si è svolto venerdì 13 maggio 2011, a partire dalle ore 15, presso le sede di Business Press, l’agenzia milanese di PR Integrate e comunicazione ‘social media positive’ (Facebook è tra i suoi clienti). Hanno partecipato: Duccio Forzano, regista e autore; Domenico Fiormonte, autore de “L'umanista digitale”, ricercatore in Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tre; Davide Agostoni, designer e creatore community Ciuccia Fuffa; Maria Grazia Mattei, esperta net-art e coordinatrice Meet The Media Guru; Gianni Fantoni, comico, autore, informatico; Giuseppe Mascitelli, ad Mediolanum Comunicazione, co-founder Mobango Ltd; Lorenzo Guerra, laurea in sociologia, ad Amigdalab; Massimo Giordani, presidente Digital Popai, Cda Torino Wireless, ad Time&Mind; Diego Biasi, founder BusinessPress, esperto di informatica, docente all’Università IULM; Saul Zanolari, cross artist; Carlo Meo, docente dei corsi Design Experience del Polidesign Politecnico di Milano; Michele Ficara Manganelli, supervisor TVNmediaGroup; Fabrizio Bellavista, new media consultant, partner Psycho Research e Aldo Cernuto, scrittore e co-founder & Chief Creative Officer Cernuto Pizzigoni &Partners.

Giuseppe Mascitelli ha coniato, per la prima volta nel 1996, questo termine, che ha spiegato in questo modo: “la metafora della tecnocreatività è il saper fare, avere una base teorica, possedere la capacità di soffrire per cercare nuove strade ma anche di essere dotati di competenze tecniche e tecnologiche per realizzarle. La tecnocreatività è il ‘lavoro del futuro’ in un mondo in cui non si può più essere specialisti; le due cose devono andare insieme”.

Non ci si è sempre trovati d’accordo sul termine tecnocreativo; se Carlo Meo ha dichiarato che “il termine tecnocreativo mi piace molto e condivido l’avversione per i tecnici puri; significa una nuova generazione di persone che gestiscono la tecnologia in modo creativo”, Massimo Giordani  ha spiegato che, secondo lui, “la tecnocreatività, attraverso una visione diversa rispetto a ciò che è stato fino a ieri, è qualcosa che deve essere ancora assimilato a livello sociale” e Gianni Fantoni ha descritto questa figura ambivalente: “il tecnocreativo usa quello che c’è nella maniera migliore, senza inventarsi un modo diverso”. Diego Biasi ha invece spiegato che “riguardo al concetto espresso, comunicare oggi significa ‘mettere tutto a fattore comune’. E’ necessario
riplasmarci e cercare di coniugare un nuovo modello che crei più felicità”.

Davide Agostoni ha invece sostenuto che “vale più la pratica della grammatica e il mio approccio è: giochiamo il più possibile”. Per dire questo si è servito di un iPhone che rimandava una voce proveniente dal pubblico, realizzando in modo preciso la metafora dell’utente proattivo.

Alcuni intervenuti hanno invece sottolineato che la creatività è la parte più importante del tecnocreativo, come Duccio Forzano che ha evidenziato che “le due componenti – umanistico-creativa e tecnologica – non possono avere uguale valore; la creatività deve essere maggiore rispetto all’utilizzo dei mezzi tecnologici” e Aldo Cernuto: “la creatività, in un tecnocreativo, non può che essere un prerequisito mentre saper usare le tecnologie è una condizione ineluttabile. Il creativo vuole fare cose che nessuno ha fatto prima e, in questo senso, la tecnologia può dare un grosso aiuto a non ripetere ciò che è stato già fatto”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Michele Ficara Manganelli, che ha sottolineato come “la parola tecnocreatività oggi non ha più senso mentre ce l’aveva 5 anni fa. Il concetto di tecno è ormai assimilato alla parola creativo, non si può più essere creativi se si è incapaci di dominare la tecnologia”.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl