3° TORNEO DICO NO ALLA DROGA.

3° TORNEO DICO NO ALLA DROGA.. L'esordio sportivo ha visto oltre 120 giocatori che nel fine settimana si son dati appuntamento ai campi di Pontevigodarzere e di Albignasego per la sfida di calcetto a sostegno della giornata mondiale della Famiglia indetta dall'ONU Giocatori di varie nazioni, Marocco, Romania, Egitto, Gran Bretagna.

18/mag/2011 18.32.37 Chiesa di Scientology di Padova Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

L'esordio sportivo ha visto oltre 120 giocatori che nel fine settimana si son dati appuntamento ai campi di Pontevigodarzere e di Albignasego per la sfida di calcetto a sostegno della giornata mondiale della Famiglia indetta dall'ONU Giocatori di varie nazioni, Marocco, Romania, Egitto, Gran Bretagna. Un vero e proprio incontro internazionale, non poi così difficile con l'evoluzione geografico sociale degli ultimi anni.

In nome del messaggio Dico no alla Droga, dico Si alla Vita 16 squadre si sono sfidate dando vita a degli incontri marcati da buone maniere, sana competizione e classe, come rimarcato da alcuni dirigenti e dall'Ass. Provinciale Enrico Pavanetto.

La divertente giornata, tra pallone spaghetti, pizza e informazione, ha trovato la sua conclusione nella serata di domenica con le dovute premiazioni . Al terzo posto Gio' Team, al secondo la squadra marocchina RAJA ed al primo posto la squadra dell’A.I.C.S.

Sono stati premiati anche il miglior cannoniere, miglior portiere e la squadra che ha dimostrato un tocco in più nelle buone maniere; l'esempio dato dai giocatori della squadra del CIN (Centro Iniziative Nuove) di Padova.

Importante è stato il messaggio dei giovani capitani delle squadre che hanno ribadito l’importanza di vivere una vita libera dalla droga. Come quello della campagna stessa che s’ispira alle opere del filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard che sostiene “Le droghe privano la vita delle sensazioni e delle gioie, che sono, comunque, l’unica ragione di vita”. Messaggio fortemente sostenuto non solo dai giovani, ma dai diversi gruppi che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento: l'associazione arbitri UISP, il Dirigente arbitri Nappo Raffaele, il Dirigente AICS Antoine Valli.

 

Per info: 366.3590577

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl