SIMONE PERROTTA: “RAGAZZI, CONTRO IL CANCRO NON FATE AUTOGOL”.

24/mag/2011 09.16.36 Francy Antonioli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“Lo sport ci insegna valori che dobbiamo mettere in pratica anche nella vita. Giocate pulito ragazzi! Proteggerete la vostra salute, rispettando voi stessi e il vostro avversario”. È il consiglio del campione del mondo Simone Perrotta, professore per un giorno all’Istituto “Pacinotti” per la tappa romana che chiude il progetto nazionale “Non fare autogol”. Promossa dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), la campagna vuole spiegare ai ragazzi come tenersi alla larga dai sette vizi capitali ed evitare il cancro. “La prevenzione comincia da giovani – ha spiegato il prof. Carmelo Iacono, presidente nazionale AIOM -: alimentazione scorretta, fumo, alcol, sedentarietà, sesso non protetto, doping, abbronzatura selvaggia e lampade solari sono abitudini molto pericolose, soprattutto se iniziate da adolescenti. Circa il 40% dei tumori è causato da fattori modificabili ed evitabili. Con il nostro progetto, grazie all’aiuto dei calciatori, vogliamo spiegare ai ragazzi quali siano i rischi e convincerli che per vincere la partita contro il cancro è indispensabile giocare d’attacco”. Una campagna innovativa che per tutto il girone di ritorno del campionato ha coinvolto 7 scuole di 7 capoluoghi di regione, con la partecipazione di alcuni dei più importanti campioni (oltre a Perrotta, sono intervenuti Pato, Legrottaglie, Miccoli, Gilardino, Palombo, De Sanctis e Chiellini) e il CT della nazionale Cesare Prandelli. Grandi calciatori saliti in cattedra per insegnare come tenersi alla larga dai sette vizi capitali ed evitare il cancro. Oltre agli incontri è attivo il sito www.nonfareautogol.it ed è stato realizzato un opuscolo (“Non fare autogol – gioca d’attacco contro il cancro”), in distribuzione in decine di istituti secondari italiani. Al fianco di AIOM, con i campioni, si sono schierati anche la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il CONI, la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) e la Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI). Il progetto è reso possibile da Boehringer-Ingelheim. “Sappiamo di essere un esempio per tanti ragazzi – ha affermato Perrotta – e questo ci dà grandi responsabilità. Possiamo far capire loro quali siano i comportamenti positivi e gli stili di vita negativi da eliminare. È con grande piacere e onore, quindi, che ho deciso di partecipare a un progetto così importante, soprattutto perché dedicato ai più giovani”.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl