Quaderno Africano, il libro/agenda 2006 per migliorare il natale dei bambini di strada del Kenya

il Quaderno Africano ci si avventura in un percorso lungo dodici mesi in cui la

24/ott/2005 09.41.32 Vincenzo Dell'Olio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Frassinelli e Amani presentano:

QUADERNO AFRICANO, IL LIBRO/AGENDA 2006 PER

MIGLIORARE IL NATALE DEI BAMBINI DI STRADA DEL KENYA

 

Milano, 24 Ottobre 2005 - Attraverso un libro si può conoscere una piccola parte dell’Africa e quella piccola parte, con lo stesso libro, la si può aiutare. In “Quaderno Africano”, il libro Agenda 2006 edito da Frassinelli, centoventi tra le principali personalità della cultura italiana e internazionale raccontano l’Africa con il proprio stile e le proprie forme espressive per trasmettere le emozioni che questo continente comunica. Tutti uniti in un incontro irripetibile di arti e generi per contribuire alla realizzazione di una casa per i bambini di strada e di un Centro di Formazione per operatori. Nel 2010 infatti, solo in Kenya, ci saranno più di 2 milioni di bambini di strada e insieme ad un luogo di assistenza è sempre più necessario un lavoro educativo che possa affrontare il problema alle radici. A gestire il progetto saranno padre Kizito, una delle personalità più note e stimate in campo umanitario internazionale, e Amani, onlus che da anni sostiene l’operato di Kizito (www.amaniforafrica.org).

 

Sfogliando il Quaderno Africano ci si avventura in un percorso lungo dodici mesi in cui la penna di poeti e scrittori celebri come Alda Merini, Vincenzo Consolo, Paolo Maunensig, si alterna a quella di musicisti e cantautori come Ennio Morricone, Lucio Dalla, Roberto Vecchioni, Mogol o di filosofi come Salvatore Veca, Giulio Giorello e Stefano Zecchi passando per Wole Soyinka, Premio Nobel per la letteratura e per le parole di protagonisti del mondo del teatro e del cinema come Giuseppe Tornatore, Mario Monicelli, Ottavia Piccolo, Carlo Rambaldi e Alessandro Gassman.

 

Immagini, storie ed emozioni che per un anno accompagneranno i lettori assieme alla consapevolezza che acquistando la propria copia ognuno avrà contribuito a scrivere una parte di questa storia dell’Africa. Quaderno Africano vuole dunque unire le più grandi voci della cultura per rispondere a uno dei più grandi drammi moderni e spera soprattutto di unire i lettori che attraverso l’acquisto, il passaparola e qualche regalo di natale “speciale”  potranno aiutare a dare un tetto ai bambini di strada. Non solo a Natale.

 

 

PADRE KIZITO E AMANI

Renato “Kizito” Sesana, nato a Lecco nel 1943, viene ordinato sacerdote nel 1970 e inizia a collaborare col mensile  Nigrizia, che dirigerà dal 1973 al 1975. E’ del 1977 la scelta dell’Africa , dapprima in Zambia, dove dà vita a Koinonia, ,(che poi crescerà anche in Kenya e in Sudan), una comunità che opera per accogliere i bambini di strada. Grazie all’opera di Koinonia, che significa fratellanza, e di padre Kizito sono sorti a Nairobi “La Casa di Anita”e “Kivuli Centre”, rispettivamente in sostegno a ex bambine e bambini di strada.

Padre Kizito e Amani, Onlus-ONG che collabora con Koinonia, si impegneranno a raccogliere fondi da destinare alla costruzione di una nuova struttura, destinata all’accoglienza di bambini di strada, a Kibera, uno degli slum di Nairobi.

 

 

NOTA: CHI VOLESSE CONTRIBUIRE ALLA DIFFUSIONE DEL QUADERNO AFRICANO ATTRAVERSO UNA RECENSIONE SULLA PROPRIA RIVISTA PUÒ RICHIEDERNE UNA COPIA UTILIZZANDO I CONTATTI SOTTOSTANTI. VI PREGHIAMO INOLTRE DI SEGNALARCI EVENTUALI USCITE.

 

 


INFO E CONTATTI:

Vincenzo Dell’Olio

Amani Onlus

Tel: 339 59 69 472

E-Mail: v.dellolio@tin.it

Internet: www.piccolofratello.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl