SMI-LAZIO: LA REGIONE LAZIO ACCORDA IL FINANZIAMENTO SULLE FORME ASSOCIATIVE DELLA MEDICINA GENERALE. SCIOPERO SOSPESO

SMI-LAZIO: LA REGIONE LAZIO ACCORDA IL FINANZIAMENTO SULLE FORME ASSOCIATIVE DELLA MEDICINA GENERALE.

Persone Elisabetta Menga, Christine, Una
Luoghi Lazio, Rome
Argomenti gastronomy, technology, chemistry, zoology

06/feb/2011 17.59.17 Smi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



COMUNICATO STAMPA

 

SMI-LAZIO: LA REGIONE LAZIO ACCORDA IL FINANZIAMENTO SULLE FORME ASSOCIATIVE DELLA MEDICINA GENERALE. SCIOPERO SOSPESO

 

Il Sindacato dei Medici Italiani del Lazio ringrazia tutti i medici di medicina generale per l'impegno e il sostegno profuso per salvaguardare i diritti della categoria e la salute dei cittadini

 

(Roma, 2 giugno) - La Regione Lazio ha stanziato il finanziamento relativo alle forme associative della Medicina Generale (apertura degli studi medici associati h 12), la validità annuale della ricetta specialistica, la fornitura delle linee adsl e dei software per gli studi di medicina generale.Motivo per cui è stato revocato lo sciopero dei camici bianchi indetto dal Sindacato dei Medici Italiani del Lazio (Smi) per il 3 giugno. Il Decreto firmato dal Subcommissario ad acta, è giunto il 31 maggio, mentre era in corso la conferenza stampa durante organizzata dallo Smi-Lazio, durante la quale venivano rese note le modalità e le cause dello sciopero. "Lo Smi-Lazio - dichiara Cristina patrizi, responsabile area convenzionata dello Smi-Lazio  - esprime la propria soddisfazione per il risultato conseguito come coronamento degli sforzi organizzativi per la giornata di sciopero che era stata indetta per il prossimo 3 giugno. Ringraziamo tutti i medici di medicina generale e chhanno sostenuto l'iniziativa, dando forza alle legittime richieste del Sindacato". Rispetto ai protocolli firmati in precedenza, "questo è l'unico atto amministrativo reale che prevede un impegno di spesa e che verrà pubblicato sul Bollettino della Regione Lazio - aggiunge Pina Onotri, Segretario organizzativo regionale Smi-Lazio e responsabile nazionale del servizio di Continuità Assistenziale- Si tratta, infatti, di un documento molto atteso dalla categoria e di cui abbiamo sempre lamentato la mancanza. Una mancanza e che ci ha indotto a non firmare il Protocollo di Intesa sulle Unità di Cure Primarie (UCP) nel 2009.  La revoca dello sciopero è, pertanto, un atto di responsabilità di fronte ad un'apertura, seppur forzata, della Regione Lazio nei nostri confronti. La delegazione aveva annunciato chiaramente che, qualora non fosse stato firmato il Decreto, saremmo andati avanti per la nostra strada. Stavolta gli organismi regionali hanno mantenuto gli impegni e questo ci impone un atto di coerenza e correttezza".

 

Smi-Lazio Ufficio Stampa

Elisabetta Menga

349/ 21.19.335

elisabettamenga@gmail.com





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl