Teatro Herberia: "mPalermu" Compagnia Sud Costa Occidentale

25/gen/2003 20.13.09 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La Corte Ospitale

produzione, promozione, formazione, ricerca per il teatro

 

 

 

Teatro Herberia 2003

 

 

giovedì 30 gennaio 2003, ore 21

Teatro Herberia, piazza Gramsci 1/b Rubiera (RE)

 

 

 

mPalermu

Premio Scenario 2001
regia Emma Dante
con Monica Angrisani, Gaetano Bruno, Sabino Civilleri, Tania Garribba, Manuela Lo Sicco
direzione tecnica e organizzativa Daniela Lo Re
 
Compagnia Sud Costa Occidentale

 

 

 

    Vi sono momenti in cui la verità si rivela interamente ai nostri occhi, senza che abbiamo fatto un gesto, un passo, spostato un ciglio. Vidi quel mare illuminato adesso da un sole d’inverno, mare azzurro e remoto fra rare e immobili imbarcazioni; vidi, come se non in quella carrozza io mi fossi trovata, ma in un altro posto, nell’aria- vidi quello che era nei loro occhi; ora che la nave posava vuota nel porto, e lontana, quasi disperante, appariva l’ora di un nuovo viaggio- il rammarico sordo di aver già consumato quasi tutta l’esistenza, svolto il gomitolo fino all’ultimo pezzo di filo.

A.M. ORTESE

 

    Recentemente insignita del Premio Ubu 2002, quale migliore novità italiana, già vincitrice del Premio Scenario 2001,  arriva al Teatro Herberia di Rubiera la Compagnia Sud Costa Occidentale diretta da Emma Dante, che in poco più di due anni si è imposta all'attenzione di pubblico e critica per la sua coraggiosa vocazione ad indagare con un linguaggio scenico originale e diretto, crudo e poetico le patetiche consuetudini e i pregiudizi sociali tratti dalla vita palermitana, ma che facilmente possono essere coniugati a ogni altra provincia italiana. Una denuncia silenziosa e indiretta, ma non per questo meno efficace, delle piccole grette abitudini, delle meschine sopraffazioni, della povertà, cui ci si deve abituare come della morte. Questo è mPalermu, in scena giovedì 30 gennaio alle ore 21.00 spettacolo con cui La Corte Ospitale dopo Fabbrica di Ascanio Celestini e Soluzione Finale di Franco Brambilla prosegue nella promozione di un teatro che riscopre e rinnova la propria vocazione a farsi strumento di analisi critica della realtà sociale che viviamo quotidianamente.

"Questo vivere il Teatro attraverso la memoria, la storia, la coscienza di colpa, - scrive la compagnia - ci consente di crescere senza segreti con l'unico scopo di compiere anche solo il più piccolo atto di giustizia, fedele alla nostra più piccola verità. Con la musica e il canto, con i corpi pesanti di chili umani, con i fiati spezzati e i dialetti del sud vogliamo trovare "quell'isola che non c'è" dove i corpi si dibattono tra polvere, sudore e bollore del sangue, dove quell'incessante implodere ed esplodere delle passioni genera l'entusiasmo della volontà, del sacrificio, della ricerca costante del "sé", della nostalgia e del talento".

"Palermo. Se avesse un corpo lo userebbe per schivare. - scrive Emma Dante nelle note di regia - Che cosa? Tutto. Per non essere colpita, identificata. Il paradosso di un luogo che ha profumi, sapori, colori inconfondibili, ma sfugge a qualsiasi definizione. Ha voci lontane che provengono da strade dentro vicoli neri, canti, rumori, storie gridate da facce perdute, vacanti, facce sorprendenti di chi sorprendere non vorrebbe mai, ma il suo emblema, lo stemma sullo scudo è il silenzio".

    "Di questo silenzio parliamo, di questa immobilità, da una distanza ravvicinata, familiare, aspettiamo che il silenzio omertoso si trasformi in una qualità, in un elemento distintivo del carattere di ognuno. Di interni e di esterni divisi da una soglia che è impossibile varcare. Di gesti che si formano perfettamente dentro la testa, ma non riescono a passare nei muscoli, nel sangue, come figli eternamente nutriti da madri sempre gravide e mai partoriti".

    "A Palermo non si compiono azioni, si mettono in scena cerimonie, non si fanno discorsi, si opera retoricamente citando ammiccando alludendo… è la città dello spreco e del superfluo, della decorazione magnifica messa come corona allo sfacelo. Questo teatro dell’impossibile, che fa di Palermo una sorta di rappresentazione simbolica dell’anima del mondo, incessantemente indaffarata e incessantemente morente, è la nostra commedia. Cinque attori sul palcoscenico. Cinque parenti congiunti, ubbidienti a questa legge loro impressa. Una famiglia. Un compito: agire. Varcare la soglia, mettere un piede dopo l’altro e andare. Fuori. Per strada. Andare. Per farsi guardare interi. Per dimenticare l’urto, la rottura di ombre irregolari appiccicate alle pareti. Imbottire la propria anima perché non voli via non appena la porta si spalanca. Inventare bugie per fottere il sentimento di insensatezza che ci coglie di fronte a ogni gesto. Cinque attori che sono una famiglia e noi che li guardiamo".

Informazioni e prenotazioni: Associazione La Corte Ospitale tel 0522 621133 fax 0522 262343. info@corteospitale.org  www.corteospitale.org 

Biglietti: posto Unico €13,00; Ridotto €10,00 (possessori Card, giovani sino ai 25 anni, anziani sino ai 60 anni); Riduzione €6,00 (studenti universitari Reggio Emilia e Modena e operatori teatrali); Sconto di 1,00€ sul biglietto intero ai possessori di Ring Card.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Corte Ospitale

produzione, promozione, formazione, ricerca per il teatro

via Fontana 2, 42048 Rubiera (RE)  tel +39 0522 621133 fax +39 0522 262343

info@corteospitale.org

www.corteospitale.org

 

 

 

 

 

____________________________

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l'indirizzo che vorrete immediatamente rimosso dalla mailing list. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl