Sexy shop news: rapina nel trevigiano con frustino. In manette un’infermiera

Il tentativo di rapina in realtà non è stato messo in atto da uno sconosciuto qualunque, ma da una persona che la signora del sex shop conosce bene: un'infermiera sulla quarantina che entra nel punto vendita afferrando appunto l'oggetto del piacere e che la intima di consegnarle i soldi per evitare la distruzione del locale.

06/giu/2011 17.02.21 Vdu Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Storia curiosa quella accaduta nel trevigiano venerdì scorso. La titolare di un sexy shop è stata vittima di un tentativo di furto: minacciata con un frustino del negozio, la donna doveva consegnare un bottino di circa 250 euro.

Il tentativo di rapina in realtà non è stato messo in atto da uno sconosciuto qualunque, ma da una persona che la signora del sex shop conosce bene: un’infermiera sulla quarantina che entra nel punto vendita afferrando appunto l’oggetto del piacere e che la intima di consegnarle i soldi per evitare la distruzione del locale.

Grazie ad uno stratagemma, la titolare riesce ad avvisare la polizia che coglie l’infermiera sul fatto e l’arresta per tentato furto. Quest’ultima, al momento dell’arresto crolla, dichiarando che il suo atto estremo è stato fatto in seguito a dei mancati pagamenti che la titolare del sexyshop le avrebbe dovuto fare per la vendita di film hard sotto banco.

La titolare nega tutto e l’infermiera-ladra è stata scarcerata dopo essere finita in manette e aver passato una notte in gatta buia.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl