Implantologia: vantaggi e controindicazioni

Quando si parla di nuove tecniche nell'ambito dell'odontoiatria, non si può non pensare alla implantologia dentaria.

08/giu/2011 21.24.01 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Quando si parla di nuove tecniche nell’ambito dell’odontoiatria, non si può non pensare alla implantologia dentaria. Questa infatti permette il recupero totale o parziale dei denti nei casi di edentulismo, con una percentuale di successo attualmente molto elevata. In sé la tecnica consiste nell’integrazione tra un materiale biocompatibile (il titanio) e l’osso mandibolare. In questo modo, il paziente è in grado di recuperare non solo l’estetica, ma anche la funzionalità stessa dei denti.

È evidente dunque che, tra le tecniche relative agli impianti dentali, questa dell’implantologia è tra le più diffuse e apprezzate. Anche perché, sia per il progresso di tecnologie sempre più accurate, sia per l’approfondimento teorico, negli ultimi anni ha compiuto veri e propri passi da gigante.

Ma ciò non vuol dire che si possa ricorrere a questa tecnica sottovalutandone i rischi. Prima di sottoporsi a un intervento di implantologia dentaria, e prima anche di prenderla in considerazione, è utile infatti analizzare la situazione specifica del singolo paziente, attuabile a partire da un’analisi non superficiale delle sue radiografie.

In ogni caso, ci sono situazioni nelle quali è generalmente sconsigliabile il ricorso all’implantologia: non è adatta ai pazienti con malattie cardiovascolari, le donne in gravidanza,  i forti fumatori, i pazienti che siano in cura con farmaci come anticoagulanti e immunosoppressori. E in generale, è il caso che evitino il ricorso all’implantologia tutti quelli che hanno una scarsa igiene orale.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl