Esperti europei riuniti a Bruxelles sul problema della legalizzazione e della cosidetta "riduzione del danno"

07/nov/2005 22.34.07 Affari Pubblici Chiesa di Scientology Milano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Esperti europei riuniti a Bruxelles mettono in guardia circa i
tentativi di normalizzare il consumo di droghe illegali.
Tali tentativi inviano un messaggio sbagliato ai nostri giovani e sono
irresponsabili

La Fondazione per una Europa Libera dalla Droga* ha recentemente
organizzato una conferenza centrata sul problema della legalizzazione
e della cosidetta "riduzione del danno" come alternativa alla completa
eradicazione delle droghe. Tra gli esperti che si sono riuniti a
Bruxelles: David Raynes, Consigliere Esecutivo, National Drug
Prevention Alliance, Inghilterra; Torgny Peterson, gia' membro della
delegazione del Governo Svedese all'assemblea Generale delle Nazioni
Unite, Sessione Speciale sulle Droghe Illegali, e Bo Persson,
Presidente Narconon Europa. La conferenza si e' tenuta nella Sala
Conferenze dell'Ufficio Europeo degli Affari Pubblici e Diritti Umani
della Chiesa di Scientology Internazionale a Bruxelles.

La domanda piu frequentemente posta dai diversi partecipanti era se le
strategie della "riduzione del danno" e della legalizzazione siano
efficaci oppure se causino un danno persino maggiore di quello che
cercano di risolvere.

Uno dei Consiglieri della Fondazione per una Europa Libera dalla
Droga, Kenneth Eckersley, ha dichiarato "La giornata e' stata un
grande successo. Abbiamo avuto delle presentazioni davvero illuminanti
e la partecipazione ed il livello di interesse dei partecipanti e'
stato molto alto. Cio' che e' emerso da questa conferenza e'
certamente il chiaro messaggio che le droghe non sono sicure e che non
dobbiamo compromettere il futuro dei nostri giovani facendo loro
credere alle teorie che dobbiamo imparare a convivere con la droga e
che non si puo' fare niente di efficace per risolvere il problema. I
membri della Fondazione per una Europa Libera dalla Droga sono tutti
sinceramente convinti che ci siano modi per combattere efficacemente
il problema della droga e che ci siano mezzi efficaci per liberare le
persone dalla droga."

Il primo oratore e' stato David Raynes, gia' Assistente Capo
dell'Ufficio Investigativo della Dogana di Sua Maesta', sia in
Inghilterra che nell'Ufficio dell'Irlanda del Nord. Raynes ha passato
in rassegna i modi in cui la lobby pro-legalizzazione sta cercando di
vanificare le varie Convenzioni delle Nazioni Unite sulla Droga, che
sono state un baluardo contro la legalizzazione e che verranno
riesaminate nel 2008. Ha esposto quello che ha definito la "GRANDE
BUGIA - cioe' che legalizzare le droghe eliminera' la criminalita'".
Raynes ha infatti portato all'attenzione del numeroso pubblico che "i
criminali semplicemente adatteranno, cambieranno i loro metodi e
continuerannoa fare quello che hanno sempre fatto assieme agli
spacciatori."

Pederson e' un esperto conosciuto internazionalmente, ha tenuto
conferenze in tutto il mondo ed ha organizzato diversi congressi sulla
droga ad alto livello in tutto il mondo. Nel suo discorso Pederson ha
sottolineato la necessita' di vigilare costantemente sui tentative di
legalizzare la droga, sia portati direttamente che con mezzi piu'
subdoli, tipo introdurre delle politiche che erodono gradualmente i
chiari principi anti-droga. Ha spiegato che la riduzione del danno
oggi significa che i giovani dovrebbero imparare come usare la droga
in un modo sicuro - ma la verita' e' che non c'é un modo sicuro di
usare la droga. Parlando del pericolo degli interessi finanziari che
ruotano attorno al mercato della droga, Pederson ha fatto l'esempio di
un collega le cui vedute hanno subito un cambio radicale, passando da
una completa opposizione ad ogni tipo di droga, al supporto di un
programma di metadone, dopo aver ricevuto un finanziamento di €
25.000.

Bo Persson e' il Presidente del Narconon Europa, un programma di
riabilitazione dalla droga che non fa uso di droghe alternative,
sviluppato dall'umanitario L. Ron Hubbard. Narconon e' un programma di
grande successo composto di prevenzione, educazione e riabilitazione.
Persson ha parlato dalla sua propria esperienza, avendo completato
egli stesso il programma Narconon e vivendo quindi una vita libera
dalla droga da circa 30 anni. Ha concluso la conferenza illustrando i
metodi e i benefici del programma. Il suo messaggio e' stato che e'
possibile vivere una vita libera dalla droga - una meta che viene
regolarmente raggiunta da coloro che completano il programma Narconon
e che possono quindi vivere una vita libera dagli effetti della droga.
Il Narconon Europa dirige 70 gruppi in Europa, Russia e Kazakhstan. In
tutto il mondo vi sono 143 centri presenti in 43 paesi.

La Fondazione terra' il suo prossimo convegno all'inizio del nuovo anno.

* La Fondazione per una Europa Libera dalla Droga e' stata formata con
il fermo proposito di prevenire e fermare l'uso debilitante di droga
educando coloro che non ne fanno uso riguardo gli effetti dannosi che
le droghe infliggono al corpo, alla mente e alla personalita', e
trovando e dirigendo coloro che ne fanno uso verso programmi che
possono aiutarli ad superare confortevolmente l'astinenza e a rimanere
liberi dalla droga da quel momento in avanti.

E' una coalizione ampia che include tra i propri membri

o Joaquin Antuña - Fondatore dell'NGO Internazionale "Peace and
Co- operation".
o Miguel Cid Cebrián - Avvocato ed autore. Direttore del Gabinetto del
Piano Nazionale sulla Droga del Governo spagnolo (PNSD) fino al 1996.
o Xavier Deluc - Attore. Francia
o E. Kenneth Eckersley - Magistrato e Giudice di Pace in pensione,
Direttore Generale di A.R.T.S. (Addiction Recovery Training Services),
di CEPTA (Campaign for Effective Prevention & Treatment of Addiction).
o Roby Facchinetti - artista, leader del leggendario gruppo dei Pooh.
o Beppe Fossati - Direttore del quotidiano Torino Cronaca.
o W. Frank Godfrey - Consigliere Comunale di Drogheda, Irlanda
o Åsa Graaf - Fondatrice e presidente di Riksorganisationen fvr ett
Drogfritt Sverige (Svezia Libera dalla Droga) dal 1992.
o Franz Huber - artista, scultore. Germania
o Dr. Virginio Maino - Dottore, Milano.
o Michael Nielsen - Consulente di Prevenzione alla Droga, ha tenuto
oltre 3000 conferenze di educazione alla droga a giovani ed adulti
negli ultimi 10 anni in molti paesi europei.
o David Raynes - Gia' alto ufficiale del governo britannico Britannica
con incarico di contenere il traffico illegale di droga nel Regno
Unito.
o Elena Roggero - Cantante. Portavoce italiana della campagna di
prevenzione "Dico No alla Droga".
o Emanuele Ruffinengo - Compositore e produttore. Vincitore di 3
Grammy Award.
o Peter Stoker - Direttore della "National Drug Prevention Alliance".
NDPA annovera tra i suoi membri numero gruppi ed organizzazioni
contro la droga.

--- 0 ---


Per ulteriori informazioni contattare:
Marc Bromberg
Phone: +32 (0)2 231 15 96
Email: fdndrugfreeeurope@gmail.com

Annalisa Tosoni
E-mail: diconoalladroga@interfree.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl