rubiera marzo/aprile

06/feb/2003 23.30.12 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Carissimi,
il progetto sulle drammaturgie della contemporaneità mi sembra davvero di grande interesse, per gli artisti, gli studiosi, il luogo, la stupenda Corte Ospitale, una ricerca che crescerà nel tempo: questi i primi laboratori (in allegato e in copia/ incolla). Riuscite a darne informazione? Ne sarei felice.
Vi lascio anche il mio numero di telefono: 0521/786075
un carissimo saluto
grazie di cuore!
valeria
dott. valeria ottolenghi
vicepresidente ANCT
Associazione Nazionale dei Critici di Teatro
via san leonardo 125
43100 parma





Atelier di nuove scritture

Progetto di ricerca della Corte Ospitale, Rubiera (Reggio Emilia)




   L¹Atelier di nuove scritture è percorso teorico pratico, laboratoriale, che nasce dall'esigenza di indagare in forma attiva sui linguaggi della scena, le scritture, al plurale, perché diversi sono i linguaggi che producono senso: luci, musiche e danza, presenza dell'attore, spazio, dialoghi e così via. Il regista, l'autore dell'opera teatrale, crea lo spettacolo intrecciando i vari codici, lasciando prevalere l'uno o l'altro a partire dalla propria poetica, il valore della comunicazione estetica raggiunto con o senza un testo di ³letteratura drammatica² da interpretare.
Se il testo di parola pare comunque portatore di gran parte dei significati anche quando sono altri i linguaggi artisticamente più potenti e rivelatori di senso all'interno di uno spettacolo, come approntare delle forme d'analisi, di studio, d'indagine per avvicinare criticamente - potendo insieme valorizzarle - le drammaturgie della musica, dello spazio, del corpo dell'attore, della danza, della luce, della pura oralità?
L¹Atelier di nuove scritture, frutto anche di un denso discorrere con collaboratori e amici stimati, messa a fuoco di un'esigenza diffusa, crescerà proprio in questo ambito problematico, ricerca triennale sui linguaggi che accompagnerà in forma autonoma ma mai separata, il fitto, impegnativo lavoro dell'Atelier delle Arti





Atelier di nuove scritture - marzo/ aprile 2003
Drammaturgie della contemporaneità
la drammaturgia della danza, dello spazio, della parola, dell¹oralità
ciclo di laboratori a cura di Valeria Ottolenghi




Quattro appuntamenti di tre giorni ciascuno:

MEDEA / MÜLLER - DRAMMATURGIA DELLA DANZA
, nell'ambito dell¹atelier diretto da Ismael Ivo su Medeamaterial di H. Müller realizzato in collaborazione con Fondazione Scuole Civiche di Milano Atelier di Teatro Danza, maestro di riferimento Andrea Nanni, lezione illustrativa di Marinella Guatterini; (dal 7 al 9 marzo);

VISIONI APOCALITTICHE - DRAMMATURGIA DELLO SPAZIO, nell'ambito dell¹atelier diretto da Franco Brambilla su Apocalisse: visioni profetiche; maestro di riferimento Luca Scarlini (dal 14 al 16 marzo);

DA KOLTÈS A SHAKESPEARE - DRAMMATURGIA DELLA PAROLA, nell'ambito dell¹atelier diretto da Mamadou Dioume Scontro di negro contro cani, maestro di riferimento Roberto Tessari (dal 7 al 9 aprile);

IL VESTITO DELLA FESTA - DRAMMATURGIA DELL'ORALITÀ, nell'ambito dell¹atelier diretto da Ascanio Celestini sulla narrazione, maestro di riferimento Carlo Infante. (dal 17 al 19 aprile).


Nell'ambito di ciascun ciclo di tre giorni di lavoro si alterneranno esperienze con gli artisti guida e i maestri di riferimento, confronti teorici, interpretazioni di pagine essenziali, video e altro. Giornate fitte, intense, una buona raccolta di saperi su cui poi anche poter riflettere in forma più quieta individualmente. Per ritornare magari alla Corte per i prossimi appuntamenti: perché questo viaggio all'interno delle drammaturgie della contemporaneità proseguirà nel tempo, per la presenza dell'attore, le musiche, le luci, i vari linguaggi che concorrono alla creazione teatrale.
E si andranno costituendo così importanti materiali su cui poter costruire ulteriori approfondimenti con nuovi compagni di viaggio, artisti e studiosi, prospettando sin da ora una pubblicazione con I quaderni della Corte..
L'Atelier di nuove scritture è attività complessa, basata sull'approfondimento, ma, pur in una visione più vasta, articolata negli anni, vive nello stesso spirito aperto, propositivo di Sguardi incrociati e Dialoghi d'arte, confronti di esperienze, di punti di vista lavorando con grande piacere insieme ad artisti, critici e studiosi di valore.

ISCRIZIONE
Ci si può mettere in contatto con Massimo Momoli:
distribuzione@corteospitale.org, tel 0522/621133, fax 0522/262343
La Corte Ospitale, via Fontana, 2 - 42048 Rubiera.

COME RAGGIUNGERE LA CORTE OSPITALE
Rubiera
si trova proprio sulla via Emilia, equidistante da Modena e Reggio Emilia. La Corte Ospitale, segnalata come edificio di valore artistico, si trova a poche centinaia di metri dalla stazione / dal centro del paese. In treno: lungo la linea Milano/ Bologna collegamenti per Rubiera con treni regionali






La Corte Ospitale

produzione, promozione, formazione, ricerca per il teatro
via Fontana 2, 42048 Rubiera (RE)
tel: 0522 621133 fax: 0522 262343
info@corteospitale.org









blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl