"Koinè", numeri da record per la kermesse sulla comunicazione

07/nov/2011 16.35.21 Ufficio Stampa MTN Company Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa

Cava de’Tirreni (Sa), 11/07/2011


“Koinè”, numeri da record per la kermesse sulla comunicazione
Ottima la prima per “Koinè”, il mega evento culturale sulla comunicazione organizzato dal 7 al 9 luglio a Cava de’Tirreni (Sa) dall’agenzia di comunicazione MTN Company. Eccellenze del mondo della comunicazione, protagonisti della sfera della pubblicità ed attori della scena politica nazionale hanno animato i vari appuntamenti in programma al Marte Mediateca, alla Sala Teatro Comunale ed a Santa Maria del Rifugio. Centinaia i partecipanti, in arrivo anche da fuori Regione. Molto “stimolanti” i convegni su “Cosa è successo alla pubblicità?” e “Pianeta P.A.: com’è cambiata la comunicazione”


Un festival sulla comunicazione senza precedenti, capace di far emergere idee di coraggio e di “abbracciare” le mille sfaccettature della comunicazione in una “tre giorni” densa di emozioni. Numeri da record per la prima edizione di “Koinè”, la mega kermesse culturale ideata ed organizzata dall’agenzia MTN Company a Cava de’Tirreni (Sa) nell’anno dei festeggiamenti per i mille anni dalla fondazione dell’Abbazia della SS. Trinità (1011-2011).

Prestigiosi relatori, tematiche da urlo e centinaia di visitatori si sono alternati dal 7 al 9 luglio nelle splendide location della manifestazione, dando risalto a mostre, dibattiti, convegni, meeting, conferenze ed azioni no profit. Il Marte Mediateca Arte Eventi, la Sala Teatro Comunale e la Galleria Civica del Complesso Monumentale di Santa Maria del Rifugio hanno assunto le vesti di “contenitori” di arte, linguaggi, comunicazione, condivisione, design, cultura, innovazione e progettazione, ponendosi, tra l’altro, come le sedi di riflessione e confronto sulle problematiche legate al mondo della comunicazione.

“Salutato” dal noto designer ed esperto di comunicazione Pino Grimaldi come «una grande idea ed un ulteriore salto di qualità e di “complessità”», l’evento, partito giovedì 7 luglio con la conferenza d’apertura dei lavori, il taglio del nastro della mostra sulla comunicazione rifiutata “Creatives are Bad!” ed i festeggiamenti per i 10 anni di vita, esperienze e successi di MTN, ha continuato a vivere momenti di particolare prestigio nelle giornate di venerdì 8 e sabato 9 luglio.

“Cosa è successo alla pubblicità?” e “Pianeta P.A.: com’è cambiata la comunicazione” sono stati i temi di particolare appeal sviluppati nel corso della rassegna, trasmessa in diretta streaming sul sito web www.mtncompany.it. Eccellenze del mondo della comunicazione e protagonisti della sfera della pubblicità hanno dato vita, venerdì 8 luglio presso il Marte Mediateca, ad un dibattito-confronto di notevole spessore sul problema della comunicazione pubblicitaria nella società attuale. Partendo dalla necessità di «diventare un po’ “matti” per fuoriuscire dalla schematicità compositiva del lavoro», il pubblicitario Pasquale Diaferia è arrivato a tracciare nel riconoscimento, o meglio ancora, nel coraggio di partorire continuamente idee nuove e creative la strada per uscire dalla stasi contemporanea. Un concetto ribadito anche dall’esperto in comunicazione Fulvio Zendrini, convinto assertore del valore dell’idea innovativa come unica soluzione per sconfiggere un’uniformità settoriale figlia del frenetico rincorrere più il denaro che la qualità.

«Il messaggio pubblicitario, quando è etico, è un messaggio di liberazione»: introdotto al tavolo da Biagio Vanacore, Presidente TP (Associazione Italiana Pubblicitari Professionisti), anche Mons. Gennaro Matino, portavoce del Cardinale Sepe, ha offerto il suo prezioso apporto alla discussione andata in scena venerdì pomeriggio al Marte Mediateca. «Il problema attuale della comunicazione pubblicitaria – ha spiegato Mons. Matinoè dettato dall’intendere lo scopo commerciale come unica finalità esistente. Invece la pubblicità dovrebbe essere un linguaggio orientato a creare una riflessione di ritorno che non cerchi di “dominare” e “prevaricare” il destinatario del messaggio, divenuto nel tempo molto più consapevole». «La comunicazione è ricevere senso, non solo notizia», ha aggiunto la giornalista Daniela Brancati, che ha individuato nella mancanza di strutture sociali ben definite l’ostacolo che impedisce a giovani talenti di emergere.

Sabato 9 luglio, dopo la “passeggiata” mattutina nella Galleria Civica di Santa Maria del Rifugio tra le tavole di “Come cambiano i marchi” (mostra dedicata alla metamorfosi subita dai 60 principali marchi italiani, a cura dello studio “R&M Associati Grafici” di Raffaele Fontanella), Antonio Romano, Presidente di Inarea, ha ripercorso i 30 anni di attività del suo networking internazionale attraverso i principali “prodotti” che nel tempo ne hanno caratterizzato l’evoluzione.

Al pomeriggio, invece, è stata la volta del convegno “Pianeta P.A.: com’è cambiata la comunicazione”. Moderato da Luca Badiali, Project Manager di MTN Company, il parterre ha annoverato protagonisti d’eccezione: il senatore AlfonsoAndria; Francesco Miscioscia, consulente di marketing politico, nonché Vice Presidente TP con delega alle Istituzioni; Nino Santomartino, delegato TP alle relazioni con il Terzo Settore; Marisa Prearo, già Presidente dell’Ente Provinciale per il Turismo di Salerno; Fulvio Ronchi, progettista grafico e docente universitario.

L’innovazione tecnologica e la necessità di apportare un cambiamento radicale nell’intendere il ruolo della comunicazione, così da poter creare le basi di una proficua collaborazione tra mondo pubblico e privato e mettere in risalto il cittadino, è stato l’argomento su cui si è soffermata maggiormente l’attenzione degli eminenti relatori. «Il principale sforzo da realizzare nella Pubblica Amministrazione – ha affermato il senatore Andriaè quello di predisporre innanzitutto maggiori strumenti ed adeguati mezzi di comunicazione per il miglioramento del servizio dell’informazione al cittadino, perché, ad oltre 10 anni di distanza dalla legge 150, la situazione non sembra evoluta come ci si aspettava». «Si è capito il ruolo della comunicazione nella Pubblica Amministrazione?» è stato, invece, l’interrogativo che ha contraddistinto l’intervento di Francesco Miscioscia. Il Vice Presidente TP con delega alle Istituzioni si è detto convinto sostenitore dell’importanza delle aziende di comunicazione nella qualificazione dei territori e per questo pronto a dare “battaglia” affinché al “mestiere della comunicazione” venga dato il giusto riconoscimento.

Ma “Koinè” è stato anche occasione di seminari, mostre, incontri ed azioni di solidarietà. Tra queste la raccolta di fondi realizzata per sostenere le attività di “Trame Africane”, la Onlus impegnata dal 2001 a creare nei Paesi in via di sviluppo concrete possibilità di crescita per le persone che vivono in condizioni disagiate. A partire da venerdì 8 luglio, infatti, la Sala Teatro Comunale, sita in Corso Umberto I, ha ospitato la rassegna di scatti realizzati in terra africana dal fotografo e Vice Presidente dell’organizzazione, Armando Andreoli. Contemporaneamente, e fino a sabato 9 luglio, il Marte Caffè Gallery Interzone ha messo in mostra 40 lavori di progettazione grafica “censurati” e “mai passati”, appartenenti alla mostra itinerante sulla comunicazione rifiutata “Creatives are Bad!”, case history, tra l’altro, dello studio del docente di Disegno Industriale per la Comunicazione Visiva al Politecnico di Milano, Fulvio Ronchi, dal titolo “Teoria e tecniche della comunicazione pubblica”.

Il mondo delle stampe quotidiane è stato, invece, al centro del seminario tenutosi venerdì 8 luglio presso il Marte Mediateca Arte Eventi. A caratterizzarlo gli interventi di Gerardo Di Agostino, amministratore di Grafica Metelliana, Alfonso Romaldo, amministratore delegato dell’Imag, e Luciano Sepe, referente regionale della Fedrigoni. Partendo dall’attuale situazione di mercato del mondo tipo-litografico, i relatori hanno puntato l’attenzione sui segreti e sulle novità nel campo del rivestimento e della legatoria, mettendo soprattutto in risalto le strategie e le tecniche guida alla base del loro successo aziendale.

Il tutto senza dimenticare i “folli” di “Mad in Italy!”, il progetto portato avanti dai ragazzi dell’agenzia di comunicazione senese Milc e finalizzato a raccogliere le storie di coloro che hanno deciso di restare in Italia per sviluppare la loro idea imprenditoriale. Nel corso della “tre giorni”, “armati” di telecamera, sono scesi per le strade cittadine per interviste live a giovani “prede” disposte a raccontare la propria esperienza lavorativa ed a lasciare sia un commento sul progetto che il proprio “Mad curriculum”.

Per info e contatti:
MTN Company srl, C.so Mazzini 22 - 84013 Cava de’Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.3122124/125; e-mail: info@creativesarebad.com - info@mtncompany.it; web: www.creativesarebad.com - www.mtncompany.it

N.B.: Le foto, scattate da Gerardo D’Elia, sono coperte da copyright. Quindi, in caso di utilizzo, è necessario citare l’autore: ©GERARDO D'ELIA 2011

 

ufficio stampa
dott. raffaele pisapia - dott. michele lanzetta
rpisapia@mtncompany.it
www.mtncompany.it

corso mazzini 22
84013 cava de'tirreni_sa_italy
tel. / fax 0893122124
tel. / fax 0893122125
info@mtncompany.it

Tutela della privacy/garanzia di riservatezza
MTN garantisce la massima riservatezza sui dati personali ai sensi della Legge 196/2003.
Si impegna a non fornirli a terzi e a provvedere alla loro cancellazione o modifica qualora l'interessato ne faccia richiesta.
Per posta elettronica è possibile richiedere la cancellazione inviando una mail a:
ufficiostampa@mtncompany.it Oggetto della mail: cancella+mail da cancellare

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl