Diminuiscono gli incidenti, ma le RC Auto aumentano

Diminuiscono gli incidenti, ma le RC Auto aumentano.

Persone Ania
Luoghi Italia, Europa, Germania, Francia
Argomenti economia, autoveicoli, commercio

18/lug/2011 16.55.50 linkbildung Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Secondo recenti statistiche, il prezzo medio delle Rc auto, negli ultimi sei anni, si è sensibilmente ridotto, sfiorando quasi la percentuale dell'8%. Ma sarà così veramente per l'automobilista?
Nient'affatto. Anzi, purtroppo il caro automobilista si è visto aumentare via via il premio assicurativo, e secondo le stime dell'ANIA, tale aumento è stato circa del 4,8% rispetto solamente all'anno 2010. Un dato preoccupante, che giustifica così anche l'affacciarsi di nuove compagnie assicurative, come le telefoniche e le assicurazioni on line, che propongono la stessa copertura delle compagnie tradizionali ma con un vantaggio non secondario dal punto di vista delle scontistiche e dei prezzi.

D'altra parte, la variabile dipendente, in forte diminuzione, è quella degli incidenti. E questo rilievo dovrebbe attrarre nuove aziende all'interno del mercato delle assicurazioni. Gli incidenti, per ora, si stima siano realmente diminuiti, e questa è un'ottima notizia su vari fronti. Primo fra tutti quello sociologico, visto che ormai siamo sempre più abituati ad accendere la tv, per sentire fatti di cronaca di incidenti mortali sulle nostre strade. Questo dato fortunatamente sembra di buon auspicio per il futuro.

Insieme al numero dei morti sulle nostre strade, scende anche il numero dei sinistri, vale a dire degli incidenti. Stando ai dati ANIA, il numero dei veicoli assicurati nel 2010 è rimasto stabile, ma a far registrare una netta diminuzione sono appunto i sinistri, calati del 9,1%.
A questo punto è lecito domandarsi: l'aumento delle tariffe a cosa è dovuto? La risposta è semplice, almeno ascoltando le ragioni delle compagnie. L'aumento deriva dall'andamento assai negativo del bienno precedente, che andava ristabilizzato con nuove tariffe e coefficienti aggiornati. Tale modifica purtroppo va a scapito degli automobilisti, che vedono così accollarsi le spese del caro benzina e del caro vita.
Da ultimo, guardando ancora i numeri, si nota come il costo dei sinistri pagato in Italia, sia tra i più alti d'Europa, decisamente superiore a quello di Germania e Francia. E questo sembra un altro motivo che sta alla base dei rincari. Insomma, purtropppo a questi aumenti non ci si può sottrarre, dal momento che la copertura RC auto è obbligatoria per legge, ma ci si può augurare che una diminuzione degli incidenti possa ridurre l'aggravio sulle spalle degli automobilisti.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl