Teatro Casalmaggiore "Orfani veleni" di e con Enzo Moscato

diretti con Casalmaggiore con treni regionali; da Brescia, Milano, Cremona,

16/feb/2003 19.21.53 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Teatro Comunale di Casalmaggiore
Stagione di Musica, Prosa, Danza 2002 2003
 
_____________________________________________________________
 
 
sabato 22 febbraio 2003, ore 21
 
 
 
Compagnia teatrale di Enzo Moscato e Leuciana Festival
Orfani veleni
esercizio di (de)mascherazione
testo, ideazione scenica e regia Enzo Moscato
con Enzo Moscato, Salvio Moscato, Ciro Moscato, Carlo Guitto, Tata Barbalato
e con Francesco, Peppe e Gianki Moscato, Giuseppe Affinito junior
scena e costumi Tata Barbalato
luci Cesare Accetta
musiche Donamos
organizzazione Claudio Affinito
Regione Lombardia - Progetto "Altri Percorsi"
 
______________________________________________
incontri teatrali
Biblioteca Civica "A. E. Mortara", ore 16
Via G. Marconi 8, Casalmaggiore
Scritture e vissuto personale
Il Tatro come progettazione d'immaginario ed esistenziale.
Gli spettacoli e i testi come flusso ininterrotti del suddetto percorso
Franco Quadri critico e studioso di teatro
Enzo Moscato drammaturgo, attore e regista
______________________________________________
 
 

        Liberamente tratto e aggiornato da un precedente lavoro di Moscato, Fuga per comiche lingue, tragiche a caso, del 1990/92, Orfani veleni si compone di svariati frammenti, alcuni, ricavati da una ricerca sulla tradizione e molteplicità della maschera (risalenti ai Petito, a Libero Bovio), fanno esplicitamente riferimento agli appassionati/caustici duetti di Colombina e Pulcinella, altri, emblematicamente definiti "Sospensioni", sono invece di stretta fattura moscatiana e, costruiti con l’ormai scaltrita tecnica del lirico-drammaturgico, provengono da diverse e precedenti scritture dell’autore: Rasoi, Trompe l’oeil, Recidiva, ecc.

        Materiali differenti per tono ed emotività linguistico-espressiva sono dunque ancora una volta chiamati a interagire e alchemicamente fondersi in altro, in quel grande alambicco mutazionale e meraviglioso, carnevalesco e quaresimale, che è, per Moscato, la Scena. Come fossero rispettivamente l’esterno e l’interno, il noto e l’estraneo, il sopra e il sotto, la Tradizione e l’es-Tradizione (la cancellazione, la rimozione, l’oblio) di un possibile ed attuale discorso sulla maschera, che per Jung coincideva con la persona e per Nietzsche definiva la necessità di schermitura da ciò che di perturbativo e orrendo sale dal profondo al cuore degli umani e che per terrore, quel terrore che solo il Sacro e il Numinoso recano con sé, riduce ogni autentico a inautentico, ogni vero a falso, ogni classicità e bellezza a vuoto burattiname, a scorza e aridità, a inerte meccanismo privo d’anima e speranza.

        Il titolo dato allo spettacolo oltre che un affettuoso omaggio alla prima compagnia teatrale di Enzo Moscato (L’Orfano Veleno, appunto), sottolinea l’ulteriore rivendicare da parte dell’autore, attore, regista il desiderio profondo di apocrifia, di una scrittura finalmente senza padri, senza storia, orfana ed anti edipica, che da sempre l’ha animato e i cui percorsi erranti, anarchici, volutamente contraddittori e marginali, ne sono al fondo, forse, il tossico poetico, l’impossibile "venenum".

 

 

Enzo Moscato Capofila della 'nuova drammaturgia napoletana' degli anni '80, ha segnato questa stagione con prove come Embargos (premio Ubu 1994), Rasoi (premio della Critica italiana, Biglietto d'oro Agis) e con drammi, commedie, monologhi che da Festa al celeste e nubile santuario, a Pièce Noire, Occhi gettati, Cartesiana, Partitura, fino ai recenti Mal-d'-Hamlé (1994), Recidiva (Biennale di Venezia, 1995), e Lingua, carne, soffio (Santarcangelo, 1996), esplorano con audacia e sensibilità una pluralità di registri linguistici e idiomatici arcaici e contemporanei. Partendo dalla contraddittoria e complessa realtà sociale partenopea, e cercando nella contaminazione la forma di una modernità espressiva, aspira a un `teatro di poesia' di ascendenza pasoliniana, con rimandi a Genet, Artaud e ai `maledetti' (tra cui Rimbaud, `musa' del recente Acquarium Ardent e oggetto di studio in un saggio di carattere semiotico pubblicato in precedenza). Premio Riccione-Ater, premio Ubu nell'88 come nuovo autore, Oscar della radio italiana e primo premio al Festival internazionale di Radio Ostankino (Russia), ha tradotto Ubu re di Alfred Jarry, e ha lavorato anche nel cinema con Mario Martone in Morte di un matematico napoletano (1992), con Pappi Corsicato in Libera (1993), e con Raul Ruiz in Il viaggio clandestino (1993) . (Dizionario dello Spettacolo del ‘900, Baldini & Castoldi, g.s.-c.b.)

 

COME RAGGIUNGERE CASALMAGGIORE

In treno:
lungo la linea Parma - Brescia collegamenti diretti con Casalmaggiore con treni regionali; da Brescia, Milano, Cremona, Mantova, Pavia, Bergamo collegamenti con Casalmaggiore con treni regionali e cambio a Cremona o a Piacdena.
In automobile:
da Parma: in seguito alla recente riapertura del Ponte sul Po  seguendo la Strada Provinciale 343 "Asolana" in direzione Colorno;
da Milano-Crema-Cremona via autostrada A1 con uscita a Parma, proseguendo poi lungo la SS 62 direzione Mantova, via Sorbolo - Viadana; oppure seguendo la SS "Paullese" 415
da Bergamo e Brescia via autostrada A4 e A21 con uscita a Cremona, proseguire poi lungo la SS 343 Giuseppina per Casalmaggiore;
da Reggio Emilia seguendo la SS 358 via Castelnuovo-Poviglio-Boretto;da Mantova: seguendo la SS 420 Sabbionetana in direzione Parma.
 
SERVIZIO LUDOTECA
Nelle serate di spettacolo i genitori potranno lasciare i loro bambini (dai 3 agli 8 anni) in custodia presso la Ludoteca "A. E. Mortara", via Azzo Porzio 9, a Casalmaggiore. Durante il servizio sono garantite la sorveglianza ed attività di animazione da parte di personale qualificato. Il servizio sarà attivo dalle ore 20,30 fino a mezz’ora dopo la fine della rappresentazione, è gratuito e riservato ai soli possessori di abbonamento o biglietto d’ingresso.
 
BIGLIETTERIA
I biglietti si acquistano presso la biglietteria del Teatro tutti i giorni di spettacolo dalle ore 19 alle ore 21 (tel. 0375 200434). È anche possibile acquistare i biglietti dei singoli spettacoli presso l’Ufficio Economato del Comune (P. zza Garibaldi, tel. 0375 284434) a partire da circa 10 gg. prima d’ogni Spettacolo. I biglietti possono essere pagati in contanti o con assegno circolare non trasferibile.
Platea e Palchi euro 16,00 Loggione euro 9,00 Ridotti euro 13,00
 
PRENOTAZIONI TELEFONICHE
All’Ufficio Economato del Comune di Casalmaggiore è possibile effettuare la prenotazione telefonica dei biglietti contattando lo 0375 284434, inviando successivamente l’importo del biglietto maggiorato del 10%, come diritto di prenotazione, tramite vaglia telegrafico. Il vaglia deve indicare il numero e l’ordine dei posti e la data dello spettacolo.
 
 
 
 

______________________________________________________________

Teatro Comunale di Casalmaggiore
Stagione di Musica, Prosa, Danza 2002 2003
 
Via Cairoli 53, Casalmaggiore CR tel. 0375 284434 fax 0375 200251
biglietteria (nei giorni di spettacolo dalle ore 19 alle ore 21) tel. 0375 200434
teatro@comune.casalmaggiore.cr.it
 www.teatrocasalmaggiore.it
 
Direttore artistico Giuseppe Romanetti
Comunicazione e stampa Paolo Maier tel. 347 5276460 paolomaier@libero.it
 
 
 
 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo che vorrete immediatamente rimosso dalla mailing list. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl