OTTIMO LAVORO MR RED BULL !!!

Prendete un viaggio, un direttore marketing di un'azienda di dentifrici, la scoperta di una bevanda per curare il jet lang, shakerate il tutto et voilà ecco pronta la Red Bull, la bevanda energetica che mette le ali!

Persone Chaleo Yoovidhya, Dietrich Mateschitz
Luoghi Europa, Asia, Giappone, Germania, Ungheria, Turchia, Thailandia, Stati Uniti d'America, Regno Unito, provincia di Treviso, Hong Kong
Organizzazioni Kastner & Partners, Blendax
Argomenti economia, commercio, pubblicità, impresa

01/ago/2011 20.35.52 Maria Novella Fabbri Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Prendete un viaggio, un direttore marketing di un’azienda di dentifrici, la scoperta di una bevanda per curare il jet lang, shakerate il tutto et voilà ecco pronta la Red Bull, la bevanda energetica che mette le ali!
Era il 1982 quando Dietrich Mateschitz, Direttore Marketing dell’azienda tedesca Blendax, produttrice di dentifrici, creme e shampoo, spossato dal jet lag beve il Krating Daeng ed in cinque minuti  gli sembra di risorgere. Il krating Daeng è una bevanda energetica prodotta in Thailandia dalla T.C.Pharmaceuticals, venduta per lo più in Asia ed utilizzata dagli autotrasportatori per stare svegli durante il lavoro notturno.
Ospite del Mandarin hotel di Hong Kong, scopre, leggendo una rivista, che tra i campioni di fatturato in Giappone c'è una società che produce un'altra bevanda energetica. Quando viene a sapere che Chaleo Yoovidhya, un partner commerciale thailandese della società per cui sta lavorando, distribuisce nel Sud-est asiatico una bibita di questo tipo, gli propone l'affare: basta solo trovare un nome, un packaging e uno slogan efficace.
Yoovidhya ci sta, mettono 500 mila dollari a testa e partono. Nel frattempo le indagini di mercato sono pessime e il gusto della futura Red Bull sembra ai più, mediocre e nauseante. Nel 1987 Mateschitz  lancia la Red Bull sul mercato austriaco dove in pochissimo tempo riscuote un successo incredibile. Poi  è la volta di Ungheria, Gran Bretagna e Germania. L'energy drink austriaco conquista l'Europa e dal 1997 dilaga negli Stati Uniti e nel resto del mondo.
Red Bull deve parte del suo successo anche all'innovativo design della lattina : Red Bull viene infatti servito nelle sleek cans, lattine più slanciate ed ideate appositamente per Red Bull e in seguito adottate da tutte le marche di energy drink. Il disegno è piuttosto semplice : è formato da quattro parallelogrammi affiancati e sovrapposti, di colore blu e argento ed il logo è formato da due tori rossi contro un sole.
Attraverso una serie di scenette ironiche disegnate con stile fumettistico ed ideate dall'azienda pubblicitaria Kastner & Partners, la Red Bull conquista la TV. Brevi storielle autoironiche e divertenti, in cui spesso i protagonisti si liberano da piccole e fastidiose situazioni quotidiane grazie all'energy drink che "ti mette le aaali". Così ad esempio un ragazzo scappa da una madre troppo apprensiva che lo stressa mentre guida, un genero fa volare via una suocera che "minaccia" di venire a pranzo a casa sua, e un uomo si salva dalle "scarpe di cemento" volando via e lasciando i gangster mafiosi che dovevano ucciderlo. Degna di nota (e di polemiche per presunta blasfemia) è una scenetta distribuita nel periodo natalizio del 2007: lo spot infatti mostrava un quarto re magio che, oltre alle tradizionali offerte di incenso oro e mirra, recava in dono al Bambin gesù una lattina di Red Bull, affermando che gli angeli lì presenti volassero grazie alle proprietà della bevanda.
Un ulteriore mezzo di diffusione della bevanda è la fama cool guadagnata presso il pubblico giovane attraverso le Sampling girls, ragazze che girano per le città su automobili "brandizzate" con lo stile Red Bull: il successo di questo metodo è dovuto alla scelta delle ragazze, giovani studentesse simpatiche e non professioniste, alla guida di Mini e New Beetle. Per sponsorizzare il suo prodotto, la società austriaca investe nella pubblicità circa il 30 per cento del fatturato.
Nel 2010 la Red Bull ha venduto 4 miliardi e 204 milioni di lattine (+7,6 % rispetto al 2009). Il fatturato è di 3 miliardi e 785 milioni di euro. I dipendenti sono quasi ottomila in 161 paesi del mondo. In alcuni mercati il consumo continua a crescere impetuosamente , l'anno scorso +80 per cento in Giappone, +86 per cento in Turchia. Ottimo lavoro Mr Red Bull !!!

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl