Andrologia: antiossidanti e vitamine per la fertilità maschile

Andrologia: antiossidanti e vitamine per la fertilità maschile.

Persone Mirella Iaccarino, Stefania Iaccarino, Thierry Suter, Marian Showell
Luoghi Italia, Napoli, Nuova Zelanda, Auckland
Argomenti medicina

02/ago/2011 11.14.14 Giulia Pirozzi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Un'alimentazione ricca di antiossidanti e vitamine migliora la fertilità maschile: è quanto emerge dallo studio di alcuni ricercatori dell'Università di Auckland, in Nuova Zelanda. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Cochrane Library.


Circa nel 50% dei casi di mancato concepimento la causa è da attribuirsi all'uomo. Ecco perchè sempre più studi e ricerche riguardano l'infertilità maschile.

Alcuni ricercatori dell'Università di Auckland, guidati da Marian Showell hanno effettuato un'analisi dalla quale è scaturito che l'assunzione di antiossidanti da parte dell'uomo incide positivamente sulle probabilità di concepimento. Ciò è dovuto all'effetto degli antiossidanti sui radicali liberi, che hanno la capacità di danneggiare il Dna degli spermatozoi.

Studi come quello neozelandese sono sempre più frequenti, dal momento che
la capacità riproduttiva degli uomini risulta essere sempre più in difficoltà.

Thierry Suter, medico del ProCrea, il Centro svizzero per la medicina della riproduzione, apprezzato a livello internazionale per la procreazione assistita osserva: “gli esami a cui i nostri pazienti si sottopongono rivelano una situazione preoccupante: non solamente sono in aumento le infezioni e le patologie che influiscono sulla salute riproduttiva maschile, ma c'è alla base una
scarsa conoscenza di quali possono essere i problemi andrologici”.


Non molti uomini sanno, ad esempio, che fumo e alcool influenzano negativamente la capacità riproduttiva. Altri elementi da non sottovalutare sono le situazioni di stress, il troppo caldo e una vita eccessivamente sedentaria. A tutto ciò si aggiungono anomalie genetiche o deficit ormonali, oltre a eventuali malattie a trasmissione sessuale.

E' fondamentale quindi che gli uomini prendano coscienza di tutto quanto ruota intorno alla fertilità maschile. A tal fine può essere opportuna una visita andrologica di un medico specialista o ci si può recare in uno dei tanti centri in Italia che si occupano della consulenza e della cura dei problemi andrologici. Uno tra questi è il Centro Chemis di Napoli, gestito dalle sorelle Stefania e Mirella Iaccarino, rispettivamente ginecologa e biologa.

Il Centro Chemis è un presidio sanitario specializzato in Procreazione Medicalmente Assistita di I e II livello e ginecologia il cui reparto di andrologia svolge consulenza e visite andrologiche, ecografia, doppler scrotale e tamponi uretrali.

Per conoscere i servizi del Centro consultare il seguente sito.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl