Le Chiavi d'Oro a convegno a Firenze.

La chiave è quella che apre le porte, quindi si intende che il portiere è colui che può far ottenere al cliente quello che da solo magari non riesce a raggiungere, per esempio un posto a teatro o al ristorante preferito.

25/nov/2005 02.38.20 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Dal 1° al 4 dicembre prossimi si svolgerà all'Hotel Astoria di Firenze il XXVIII Congresso Nazionale della UIPA, l'Associazione che raggruppa in tutto il mondo i Portieri di Albergo a 4 e 5 stelle. Il congresso inizierà nel pomeriggio del 1° dicembre e proseguirà nei giorni successivi con un fitto programma di attività, tra cui visite guidate, escursioni e riunioni conviviali, oltre che sessioni di lavoro, per concludersi la mattina del 4 dicembre. L'UIPA è un associazione amicale non a scopo di lucro e il congresso è un motivo di incontro e di riflessione che si ripete ogni anno (nel 2004 ad Abano Terme). Le Chiavi d'Oro applicate sui risvolti del bavero della giacca è il simbolo che identifica i Portieri che fanno parte dell'associazione. Il portiere è colui che risolve i problemi del cliente, ne intuisce i desideri e cerca di esaudirli. La chiave è quella che apre le porte, quindi si intende che il portiere è colui che può far ottenere al cliente quello che da solo magari non riesce a raggiungere, per esempio un posto a teatro o al ristorante preferito.
Il portiere esisteva già in epoca romana ed era addetto alla sorveglianza. La Francia è stata il propulsore della figura del porteiere o concierge, termine che deriva forse da "comte de Giorges", titolo concesso all'ufficiale regio preposto alla Conciergerie du Palais, carica di pregio, responsabilità e prestigio fino al XIV secolo per poi estendersi ai Portieri dei palazzi nobiliari. Nel XIX secolo in Francia il portiere ha potuto formarsi nella versione moderna nei grandi hotels sorti in Costa Azzurra, ma poi anche in Liguria, Svizzera ed Austria. A Parigi era nata un'associazione di portieri prima della 2° guerra mondiale, perché il cliente potesse essere seguito lungo i suoi viaggi in varie parti d'Europa. Nel 1949 nasce un'Associazione fra Portieri e vengono fondate le "Clefs d'Or", poi la FIPA, in Toscana, federazione cui aderiranno le Associazioni regionali già esistenti. Firenze è stata per 6 anni la sede della Federazione, che collabora da anni con gli Istituti Alberghieri di Firenze, il "Saffi" ed il "Buontalenti", che inviano i loro allievi per gli stages. L'Associazione lamenta il fatto che sia stato tolto il corso di Portineria dai Programmi scolastici e sono in corso azioni presso il Ministero perché siano reinserite ore di Portineria. La FIPA è diventata UIPA, Unione Italiana Portieri d'Albergo dal 1° gennaio 2000.
Nicoletta Curradi


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl