Il Governo stoppa il nucleare, salta il referendum

Il Governo stoppa il nucleare, salta il referendum.

Persone Silvio Berlusconi
Luoghi Fukushima
Organizzazioni Unione Europea, Corte Costituzionale
Argomenti politica, diritto

19/apr/2011 14.59.25 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Il Governo italiano fa marcia indietro e stoppa a tempo indeterminato la progettazione e la costruzione di impianti nucleari. La moratoria di un anno sul ritorno all’atomo viene quindi trasformata in uno stop vero e proprio, con tanto di modifica della legge che stabiliva la road map nucleare, da votare entro pochi giorni in Parlamento. Dunque decadrà il quesito referendario del 12 e 13 giugno sull’atomo.

Proprio il referendum è la chiave di volta della marcia indietro: la presenza del quesito sull’atomo rendeva infatti possibile (se non probabile) il raggiungimento del quorum anche per gli altri quesiti, quello sulla privatizzazione dell’acqua e soprattutto quello sul legittimo impedimento. Se come sembra il quesito sul nucleare dovesse venir meno, Berlusconi potrà dormire sonni tranquilli sul mantenimento della legge che gli consente di rinviare le udienze per motivi istituzionali (anche se recentemente ridimensionata dalla Consulta).

Tutto sommato, il mondo ambientalista non può che essere soddisfatto: il referendum è sempre una scommessa rischiosa, e l’eventuale mancato raggiungimento del quorum avrebbe rotto l’ultima diga. La decisione del Governo è figlia della mobilitazione trasversale dell’opinione pubblica, sia prima che in seguito al disastro di Fukushima, contro una scelta sbagliata e pericolosa.

L’emendamento che verrà votato recita: “Al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche mediante il supporto dell’Agenzia per la sicurezza nucleare, sui profili relativi alla sicurezza nucleare, tenendo conto dello sviluppo tecnologico in tale settore e delle decisioni che saranno assunte a livello di Unione Europea, non si procede alla definizione e attuazione del programma di localizzazione, realizzazione ed esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare“.

Fonte: Repubblica.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl