Nuovo contingentamento apparecchi di gioco: tanta attesa per un settore da record

Nuovo contingentamento apparecchi di gioco: tanta attesa per un settore da record.

Luoghi Italia
Argomenti commercio, economia

15/set/2011 09.55.33 giocoonline Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Gli operatori del settore attendevano da tempo l’arrivo e l’attuazione del decreto sul contingentamento che ha stabilito i parametri di installazione degli apparecchi e ridefinito le tipologie di locali in cui è possibile trovare slot e vlt.

 

Il nuovo decreto fissa il numero massimo di apparecchi da poter installare: nei locali che hanno come attività principale l’offerta di gioco (agenzie di scommessa, sale bingo e sale dedicate alle Vlt) il numero massimo di videolotterie installabili è fissato in 150, mentre in 75 quello delle slot. I requisiti minimi di ingombro prevedono almeno 2 metri quadrati per ognuna delle slot installate e in corner, rivendite di lotto e tabacchi, bar, ristoranti, edicole e altre attività commerciali è consentita l’installazione di un massimo 8 slot. Alberghi e stabilimenti balneari, invece, potranno installare fino a 10 apparecchi.

 

Il nuovo contingentamento prevede anche che i concessionari dispongano la rimozione degli apparecchi, se il proprio sistema di elaborazione ne rileva in eccesso nei locali. Da oggi fino al 1° dicembre 2011 nel caso di mantenimento di apparecchi installati in eccedenza rispetto ai limiti imposti dal nuovo decreto si applica una sanzione amministrativa di 300 euro al mese per ogni apparecchio, ad ognuno dei soggetti responsabili della violazione (concessionario, gestore, esercente). Dopo il 1° dicembre 2011 qualunque rilevazione di apparecchi o videoterminali eccedenti rispetto ai parametri numerico quantitativi comporta l’irrogazione, al concessionario, al proprietario degli apparecchi, al titolare dei punti di vendita, di una sanzione amministrativa pecuniaria fino a euro 1.000 per ciascun apparecchio eccedente, oltre l’obbligo di rimozione forzata degli apparecchi con oneri a carico dei soggetti responsabili.

 

Un settore che non conosce crisi, quello degli apparecchi da intrattenimento in Italia. Al leggero calo delle slot, infatti, è poi corrisposto un incremento della raccolta delle video lotterie. Nei primi sei mesi 2011 la raccolta delle videolotterie ha raggiunto i 5,37 miliardi di euro: i giocatori hanno incassato vincite per quasi 5 miliardi e ci hanno speso 379 milioni di euro. Le newslot hanno raccolto oltre 15 miliardi di raccolta, ma il segmento ha perso circa l’1,3% sui 15,2 miliardi dello stesso periodo del 2010.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl