Iniezioni di plasma (PRP), trattamento anti-aging per una pelle senza rughe

L'iniezione di plasma è uno degli ultimi ritrovati di dermatologia estetica per un viso tonico e fresco.

Organizzazioni La PRP
Argomenti anatomia, medicina, biologia

11/ago/2011 11.31.01 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’iniezione di plasma è uno degli ultimi ritrovati di dermatologia estetica per un viso tonico e fresco. Questa metodologia estetica, conosciuta anche come PRP (Platelet-Rich Plasma), viene da tempo utilizzata in diversi campi della medicina, dall’ortopedia all’odontostomatologia, dall’oculistica alla chirurgia maxillo-facciale grazie alle sue peculiarità del tutto uniche. L’iniezione di plasma, infatti, è un metodo indolore, molto veloce e praticamente senza controindicazioni che permette di  ottenere risultati sorprendenti. Quando il corpo umano si ferisce si forma un coagulo di sangue che permette una guarigione dei tessuti. Questo coagulo è formato dal 95% di globuli rossi, dal 4% di piastrine e dall’1% di globuli bianchi. Con il trattamento di PRP le proporzioni all’interno del coagulo di sangue cambiano notevolmente: 95% di piastrine, 4% di globuli rossi e 1% di globuli bianchi. In questo modo si ottiene un’altissima concentrazione di fattori di crescita piastrinica nel coagulo che permette una cicatrizzazione e rigenerazioni dei tessuti molto più veloce rispetto alla normalità.

Come funziona l’iniezione di plasma (PRP)

La PRP prevede un semplice prelievo del sangue venoso (da 5 a 15 ml a seconda dell’ampiezza della zona da trattare) che viene posto in una centrifuga dove viene lasciato qualche minuto. In questo modo la frazione corpuscolata del sangue (quella che contiene i globuli rossi) viene separata da quella contenente sangue e piastrine. Attraverso la centrifugazione e la separazione delle cellule, quindi, si ottiene un plasma arricchito noto anche come Platelet Gel. A quest’ultimo, concentrato da 2 a 5 volte più della norma, viene aggiunto uno specifico attivatore piastrinico che consente la liberazione di granuli contenenti i fattori di crescita, responsabili del rinnovamento cellulare e, di conseguenza, del loro ringiovamento.

Questo Gel Piastrinico viene immediatamente reiniettato nelle zone invecchiate da trattare mediante un ago molto sottile. L’iniezione intradermica ed ipodermica di plasma autologo arricchito in cellule agisce come una matrice che fa da struttura e da serbatoio di fattori di crescita: formazione di una rete tridimensionale di fibrina, rilascio di fattori di crescita da parte delle piastrine e dei leucociti, chemo-attrazione di macrofagi e cellule staminali, proliferazione delle cellule staminali e differenziazione delle cellule staminali. Il trattamento al plasma è molto più efficace dei comuni trattamenti a base di vitamine e acido ialuronico ed inoltre, essendo autologo (cioè deriva dalla persona stessa), è molto più sicuro perché evita il rischio di allergie ed intolleranze. Il rilascio di fattori di crescita da parte delle piastrine, infatti stimola le cellule staminali a rigenerare nuovo tessuto ottenendo un’azione intensa e duratura.

Quali zone vengono trattate con il PRP

Le zone trattate con l’iniezione di plasma sono la regione frontale, le guance, la regione orbitale, il mento, i solchi naso-labiali, le labbra ma anche mani, zona decolletè, interno cosce e braccia.

Cosa succede dopo il trattamento al plasma

Subito dopo la seduta di PRP si può riprendere le normali attività quotidiane. Può verificarsi un leggero gonfiore ed una modesta dolenza nelle 24 ore successive dovuti alle punture fatte. I risultati del trattamento sono progressivi cioè solo dopo due settimane si inizia ad avere un pelle tonica ed elastica. Il massimo del risultato si ottiene dopo circa un mese con una pelle stirate ed un numero di rughe evidentemente diminuito. L’unica accortezza da seguire è quella di evitare di truccarsi nelle tre ore successiva la seduta e quella di non esporsi al sole diretto per almeno due settimane.

Frequenza dei trattamenti e costi

La seduta di PRP deve essere ripetuta ogni tre mesi per un totale che va dalle tre alle sei sedute complessivamente. Il numero di sedute dipende dalla tipologia di pelle e dal grado di invecchiamento cutaneo. Il mantenimento dei risultati prevede invece una seduta ogni 6 mesi. Ogni seduta costa circa 300 euro.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl