Novironica, il successo dell'ottimismo

03/gen/2006 02.23.12 Gruppo BnP Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Novironica, il successo dell’ottimismo

 

C’è chi vuole far ridere il Sindaco e chi vorrebbe un opposizione più reattiva.

La vignetta più gettonata è la “Spagna a Novi” di Andrea Franzante.

La mostra è stata visitata da centinaia di persone, tra le quali politici,

che si sono divertiti a vedersi nelle vignette ironiche attuali e del passato.

 

Novi Ligure, 03 gennaio 2006 – E’ terminata la mostra “Novironica” ricevendo l’ennesima conferma che i novesi, oggi come ieri, se intendono far qualcosa di buono, ci riescono.

 

Il tormentone, riportato sulle maglie e sui gadget della mostra “né mandrogni, né genovesi, solo novesi”, sottolinea l’appartenenza a Novi Ligure, mentre l’antico detto novese “il più stupido di Novi suona il violino” sentenzia di quante capacità e di quale presunzione siano capaci i novesi.

 

Il tutto è fortemente dimostrato dall’excursus storico della mostra della satira novese, che ha saputo raccogliere gli spunti di oltre un secolo di ironia e fantasia, due componenti presenti solo in quelle società dotate di intelligenza e sviluppo democratico.

 

Il pubblico ha comunque apprezzato il passaggio attraverso la storia, dal Goliardo al Brasatore alla Carpa e ha salutato con piacere uno degli artefici della letteratura locale, il compianto Carletto Bergaglio con le sue raccolte di “clisteri e porcaccionate della Val Lemme”. I visitatori hanno poi scoperto le nuove dinastie di vignettisti, cogliendo con grandi risate la sottile satira di Andrea Franzante e Roberto Valente; quella più popolare di Roberto Casonato e quella tagliente di Andrea Massa.

 

Il pubblico ha anche giocato volentieri con questa nuova dimensione di ambiente intellettuale; stimolati infatti dalla vignette, i visitatori hanno saputo cogliere l’interattività della mostra, collaborando all’elaborazione di una classifica delle cose che fanno più ridere, piangere, incazzare, godere e sperare gli abitanti della zona, così come nel completare la grafica del sindaco ideale, partendo solo da una chioma e una barba bianca.

 

Più teneri i bambini, più tosti i grandi, il Sindaco è stato disegnato con i denti e le unghie aguzze, in tutte le maniere, fino a farlo sorridere ed invitarlo ad essere ottimista.

Nella classifica delle cose che fanno più ridere, si piazza al primo posto l’affermazione “Novi città turistica”, seguita dalla “carriera ferroviaria=carriera politica” con un’indicazione agli architetti che disegnano le rotonde a Novi; tra le cose che fanno piangere “il teatro che non c’è” che vince alla pari con “l’opposizione che non c’è”.

Arrivano poi suggerimenti anche sulle aree verdi e gli spazi all’aperto e tra le cose che fanno godere naturalmente il cioccolato novese, insieme alla barista di un bar di Novi che non scherza.

Mentre alcuni trascendono sulla Barbellotta, altri visitatori si sono innalzati con Le Colline del Gavi e la maggior parte s’incazza per le multe per pulizia strade. Molti novesi soffrono la neve in città e alcuni citano la mancanza di cinema e teatro.

 

Infine, la speranza per la maggior parte dei visitatori che hanno votato, è legata a Novironica ed alle iniziative che fanno pensare, per tanti è il centro storico rifatto è un buon segnale.

 

La speranza per l’associazione culturale “Nuovi per Novi”, organizzatrice dell’evento, ed in particolare di chi ne ha sposato la causa come Pio Scarsi, Michele Carlevaro, Fabrizio Scarsi, Paolo Repetti e Roberto Casonato o chi ha lavorato dietro le quinte come la BnP, rappresentata da Marco Barbagelata, Valeria Balbi, Federica Ferrando, Eleonora Gandini, era invece di festeggiare i 20 anni del freepress locale Buonenotizie, regalando un sorriso alla città e di donarne uno grande all’associazione Centro per la Vita e la Famiglia, che dal ricavato delle vendita di gadget e pubblicazioni ha raccolto dei fondi da destinare alle cure di un bambino, ed ad un'altra associazione artistica “Laboratori d’arte”, che a sua volta vendendo alcune opere ha raccolto i fondi per iniziative umanitarie nei confronti del terzo mondo.

 

“Nuovi per Novi” molto soddisfatta dell’iniziativa promette di ampliarla e ribadirla con delle future nuove edizioni e forse con un’altra pubblicazione ma prepara la città ad una nuova iniziativa che coinvolgerà la nostra comunità in un avvenimento a livello Nazionale, ma di tutt’altro taglio.

 

Associazione Nuovi per Novi – Tel. 0143-74.53.97.

 

Ufficio stampa a cura del Gruppo BnP, per ulteriori informazioni:

Eleonora Gandini

Responsabile Comunicazione

Tel.: 0143-73.383

Email: eleonora.gandini@bnp.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl