Isaia Sales chiude "La Versione di MARTE"

23/nov/2011 15.10.20 Ufficio Stampa MTN Company Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa

Cava de’ Tirreni (Sa), 23/11/2011


Isaia Sales chiude “La Versione di MARTE”

Venerdì 25 novembre appuntamento conclusivo con “La Versione di MARTE” al MARTE Mediateca di Cava de’ Tirreni (Sa). Alle ore 19.00 Isaia Sales presenterà il suo ultimo lavoro: “I preti e i mafiosi. Storia dei rapporti tra mafie e Chiesa cattolica” (Baldini Castaldi Dalai Editore, 2010). Interverrà il giornalista Andrea Manzi, mentre Letizia Vicidomini si occuperà del reading

Ultimo appuntamento con il caffè letterario “La Versione di MARTE” al MARTE Mediateca Arte Eventi di Cava de’ Tirreni (Sa). Venerdì 25 novembre, alle ore 19.00, attenzione puntata su “I preti e i mafiosi. Storia dei rapporti tra mafie e Chiesa cattolica” di Isaia Sales (Baldini Castaldi Dalai Editore, 2010). Interverrà il giornalista Andrea Manzi, mentre il reading sarà affidato alla voce di Letizia Vicidomini.

Sarà, dunque, il volume dell’autore originario di Pagani (Sa) a chiudere la prima riuscitissima edizione della rassegna letteraria organizzata dal MARTE, in collaborazione con Claudio Bartiromo – Edizioni Einaudi. Un’affascinante serie di incontri d’autore, narrazioni e presentazioni di libri che, a partire dallo scorso 6 ottobre, ha visto alternarsi presso la struttura metelliana relatori di prestigio. Da Mario Prisco ad Antonello Caporale, da Roberto Di Egidio a Valeria Parrella, senza dimenticare Rosario Bentivegna, Emilia Leonetti e Diego De Silva.

Fresco vincitore del Premio Feudo di Maida (novembre 2010), ne “I preti e i mafiosi” Isaia Sales analizza il tema delle responsabilità della Chiesa cattolica e dei suoi esponenti nell’affermazione delle organizzazioni mafiose, esaminando l’apporto culturale che direttamente o indirettamente la dottrina della Chiesa ha fornito al loro apparato ideologico. «Sono duecento anni che esistono le mafie in Italia - afferma lo scrittore - Se non sono state ancora sconfitte vuol dire che i motivi del loro “successo” non sono stati completamente individuati».

Un volume che nasce, quindi, da una serie di interrogativi. Come spiegare il fatto che in quattro “cattolicissime” Regioni meridionali si siano sviluppate alcune delle organizzazioni criminali più spietate e potenti al mondo? Come spiegare che la maggioranza degli affiliati a queste bande di assassini si dichiarino cattolici osservanti? Che rapporto c’è tra cultura mafiosa e cultura cattolica? E perché questo rapporto non è stato mai indagato in sede storica ed è stato, invece, sempre smentito o sottovalutato?

«Fino a pochi anni fa - aggiunge Sales - la Chiesa ha taciuto sulle mafie, non le ha mai considerate nemici ideologici. Oggi il silenzio è stato in parte interrotto, ma moltissimi preti continuano a tacere o ad essere indifferenti al tema». Un’“interruzione parziale” causata, secondo l’autore campano, dall’uccisione di don Dino Puglisi (sacerdote palermitano assassinato il 15 settembre 1993 dalla mano armata della mafia), fautore dell’avvio di un cammino di vera conversione e rescissione dei legami tra Chiesa e mafie.

«L’intento dell’opera - sottolinea Isaia Sales - non è quello di puntare il dito contro, ma evidenziare quanto sia urgente rivedere l’attuale mentalità religiosa e sociale, che ha permesso alle mafie di diventare quello che sono. Magari partendo proprio dall’esempio di don Puglisi. La Chiesa, inoltre, è “una delle  principali agenzie educative di massa”. Sarà pur vero che la “gente del Sud” è tradizionalmente omertosa, ma è anche vero che non è insensibile agli stimoli dell’educazione, soprattutto se fatta con gesti eloquenti, come quello di negare la comunione ai mafiosi, come già si fa per i divorziati».

Isaia Sales è docente di “Storia della criminalità organizzata nel Mezzogiorno d’Italia” presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. È stato deputato della Repubblica e sottosegretario all’Economia nel primo Governo Prodi (1996-1998). È autore de: “La camorra, le camorre”, con prefazione di C. Stajano (1988); “Leghisti e Sudisti” (1993); “Il caso Cirillo”, a cura di N. Tranfaglia (1994); “Il Sud al tempo dell’euro”, con prefazione di C.A. Ciampi (1998); “Riformisti senz’anima” (2003). Ha vinto il Premio Napoli nel 2007 con il saggio “Le strade della violenza. Malviventi e bande di camorra a Napoli” (2006). Ha curato la voce “Camorra” per l’Enciclopedia Treccani. È editorialista del Corriere del Mezzogiorno.

Quello di venerdì 25 novembre rappresenterà, dunque, l’appuntamento conclusivo della prima edizione de “La Versione di MARTE”. Ma il MARTE non si ferma certo qui. Nel mese di dicembre, infatti, prenderà il via la “versione” 2.0 del caffè letterario. Tra i protagonisti: “È tutto Sex and City” di Alfonso Amendola, “Infernapoli” di Peppe Lanzetta, “Mostri” di Andrea Barone, “Chi è il maestro del lupo cattivo?” di Ico Gasparri e “Gli anni della tempesta”, reading musicale tratto dal romanzo “Brigate Nonni” (Cooper Editore) di Matteo Speroni e Folco Orselli.

Per info e contatti:
MARTE | Mediateca Arte Eventi, C.so Umberto I n. 137, 84013 Cava de’ Tirreni (Sa).
Tel. +39 089.9481133; fax +39 089.9481144; web: www.marteonline.com; email: info@marteonline.com



ufficio stampa
dott. raffaele pisapia - dott. michele lanzetta
rpisapia@mtncompany.it
www.mtncompany.it

corso mazzini 22
84013 cava de'tirreni_sa_italy
tel. / fax 0893122124
tel. / fax 0893122125
info@mtncompany.it

Tutela della privacy/garanzia di riservatezza
MTN garantisce la massima riservatezza sui dati personali ai sensi della Legge 196/2003.
Si impegna a non fornirli a terzi e a provvedere alla loro cancellazione o modifica qualora l'interessato ne faccia richiesta.
Per posta elettronica è possibile richiedere la cancellazione inviando una mail a:
ufficiostampa@mtncompany.it Oggetto della mail: cancella+mail da cancellare

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl