A Jodie il benvenuto nella nuova vita dalla congregazione di Scientology di Roma

10/dic/2011 17.19.42 Chiesa di Scientology di Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Domenica 11 dicembre, “Cerimonia del Nome” nella sede di via della Maglianella 375, a due anni dal matrimonio dei suoi genitori.

 

Roma, 10 dic 2011 - A due anni dal loro matrimonio, celebrato nella cappella della Chiesa di Scientology di Roma in via della Maglianella 375, Sebastiano e Jennifer danno il benvenuto al loro figlia Jodie con la “Cerimonia del Nome” di Scientology. Pomeriggio di festa quindi per la congregazione romana di Scientology che dà il benvenuto ad una splendida bambina frutto dell’amore della giovane coppia di sposi.

 

Sebbene la cerimonia per il conferimento del nome al neonato sia molto simile al battesimo, in essa trova espressione la credenza di Scientology che il bambino è un essere spirituale che ha vissuto in precedenza e che continuerà a vivere in futuro. Quindi nel corso della Cerimonia del Nome, il Ministro di Scientology presenta il bambino ai suoi genitori e ai padrini, gli comunica il nome che è stato scelto e lo accoglie nella congregazione. Ai genitori e ai padrini viene ricordato che devono garantire al neonato ogni possibilità di comprendere le regole della vita. Allo stesso tempo il Ministro incita il resto della congregazione a fornire tutti i consigli e le conoscenze acquisite nel corso del cammino da loro già percorso, in linea con il pensiero del fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, estensore della Cerimonia del Nome, che nel suo articolo “La Mia Filosofia” scrisse: “Perciò la mia filosofia dice che si dovrebbero rendere gli altri partecipi di quel che si sa, che si dovrebbe aiutare il prossimo ad aiutare se stesso e che bisogna perseverare nonostante la burrasca poiché il sereno è sempre là, davanti a noi.”

 

In conclusione il Ministro ricorda che, nell’amministrare i propri consigli al bambino, non va dimenticato che la vita gli appartiene e, in ultima analisi, spetta a lui operare la scelta del cammino da intraprendere, percorrendolo poi con l’assistenza dei genitori e del resto della comunità.

 

Per infromazioni:

scientology.it

openhouse.scientologyroma@gmail.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl