Il laboratorio casertano Terre Blu al Macef di Milano

19/gen/2006 09.36.24 Maria Beatrice Crisci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

terreblu

 

COMUNICATO STAMPA

 

Macef

Milano, 20-23 gennaio 2006

pad. 3 stand N11-P12

Area Dettagli - ingresso porta Est

 

Si apre domani venerdì 20 e resterà aperto fino a lunedì 23 gennaio il Macef Milano 2006, il Salone Internazionale dedicato al mondo della casa.

Questo home show è da più di quaranta anni un punto di riferimento per tutti gli operatori dei settori in cui opera, non soltanto per grossisti, buyer, grande distribuzione e dettaglio, ma anche per architetti, interior designer, arredatori e giornalisti.

Anche in questa edizione del Macef è presente Terre Blu, il laboratorio e spazio espositivo di via Maielli diretto dall’architetto Giuseppe Coppola. La struttura casertana sarà al padiglione 3 stand N11-P12, Area Dettagli, ingresso porta Est.

Nell’occasione Terre Blu ripropone “Convivium”, la collezione per la tavola presentata come prototipo nello scorso mese di settembre e concepita come work in progress, che vede impegnati esponenti di spicco del design italiano.

La collezione è stata rivisitata e ampliata con nuovi oggetti, come i due bricchi in acciaio, “Bricco” e “Briccone”, design Riccardo Dalisi, che completano e arricchiscono “Vagon-lit”, il servizio da caffè in porcellana di Capodimonte e acciaio disegnato sempre da Dalisi per Terre Blu.

“Convivium” si fonda su alcuni concetti essenziali, come l’attenzione rivolta alla molteplicità dei rituali e delle attrezzature che mettono in scena il rapporto con il cibo, la destrutturazione del “servizio” tradizionale, la valorizzazione delle decorazioni fatte a mano in contrapposizione al rigore della porcellana.

I piatti sono in porcellana con falda in biscuit, dipinti a mano o lasciati bianchi. Dipinti il piatto segnaposto e il piattino da dessert, che si inscrivono perfettamente l’uno nell’altro ingenerando un gioco di geometrie fatto di inclusioni, sottrazioni, contiguità. Otto i decori, da accostare assieme e comporre con i pezzi bianchi.

A questi si aggiungono alcuni oggetti e “piccoli servizi” che costituiscono il primo nucleo di un abaco degli elementi da assemblare assieme, espressione di universi progettuali e culturali differenti.

Slegati dai concetti di “stile” o “servizio”, questi oggetti e questi decori possono comporsi sul desco conviviale, sacro recinto o campo di gioco, disegnando paesaggi, intrecci di culture, trame, per inscrivere in esso le forme di una progettualità che basa su riflessioni profonde la capacità di reinterpretare la modernità attraverso la messa in scena, la teatralizzazione, il gioco, l’ironia.

 

 Con preghiera di cortese pubblicazione e radio-tele-web-diffusione. I giornalisti che volessero richiedere ulteriori foto in formato jpeg o contattare l’ufficio stampa per ogni altra informazione possono rispondere a questa e-mail.

 

Caserta, giovedì 19 gennaio 2006

 

terreblu

L’Ufficio Immagine (Maria Beatrice Crisci)

 

 

Questo comunicato, inviato in Ccn a operatori dell’informazione e a una lista di destinatari, non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale. Coscienti che e-mail indesiderate siano oggetto di disturbo, La preghiamo di accettare le nostre più sincere scuse se la presente non dovesse essere di Suo interesse. A norma della Legge 675/96 abbiamo reperito la Sua e-mail di persona, navigando in rete o da e-mail che l’hanno resa pubblica. Questo messaggio non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni, La preghiamo di inviare una risposta con oggetto: “Cancella”. Grazie.

 

 le terre snc  via maielli 1/3  81100 caserta  tel.fax 39 0823 356054  p.iva 01996060610

www.terreblu.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl