SMI-LAZIO, NO ALLA FIRMA PER IL PROGETTO REGIONALE SPERIMENTALE: "PERCORSO INFLUENZA NEI PRONTO SOCCORSO"

19/gen/2012 22.57.09 Smi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA



SMI-LAZIO, NO ALLA FIRMA PER IL PROGETTO REGIONALE SPERIMENTALE: “PERCORSO INFLUENZA NEI PRONTO SOCCORSO"


Secondo il Sindacato dei Medici Italiani del Lazio, l’iniziativa è una replica di servizi sanitari già presenti sul territorio



(Roma, 19 gennaio) - Lo Smi-Lazio non firma il progetto pilota promosso dalla Regione Lazio, denominato:"Percorso veloce influenza nei Pronto Soccorso", che ha preso il via lo scorso 16 gennaio e si protrarrà fino al 16 marzo. Il programma prevede l’attivazione di ambulatori presso 9 Pronto Soccorso del territorio regionale, dove i pazienti con sindrome influenzale potranno essere visitati da medici di medicina generale, senza passare dal Pronto Soccorso. Secondo la delegazione sindacale si tratta di un’altra forma di propaganda in mancanza di un chiaro programma di ristrutturazione della medicina generale. Sarebbe auspicabile, invece, ripensare e rafforzare, interamente, la rete sanitaria di emergenza-urgenza, senza investire risorse in progetti provvisori che replicano servizi già esistenti, offrendo soluzioni transitorie. Lo Smi-Lazio propone, dunque, di riorganizzare la Continuità Assistenziale, l’attività degli studi di medicina generale, della medicina di gruppo e delle Ucp, che erogano, tutto l’anno, le prestazioni garantite dal progetto in questione. Netta la posizione di Gian Marco Polselli, segretario generale dello Smi-Lazio, il quale ha dichiarato che, il progetto pilota proposto dalla Regione, rappresenta «un’operazione antieconomica in un momento in cui tutti i Pronto Soccorso sono carenti di organico e con personale medico precario, e che non rafforza i servizi in difficoltà ma produce un servizio sanitario “fotocopia”. Infatti, da oltre un anno e mezzo, sono attivi e funzionanti 800 studi medici associati, a servizio dell’utenza per 10 ore al giorno che erogano le medesime prestazioni e che dovrebbero essere attivati e coordinati per questo obiettivo».




Smi-Lazio Ufficio Stampa


Elisabetta Menga

349/21.19.335

elisabettamenga@gmail.com

www.smilazio.org



--
Elisabetta Menga
349/ 21.19.335
elisabettamenga@gmail.com



--
Elisabetta Menga
349/ 21.19.335
elisabettamenga@gmail.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl