Le mille proprietà del corbezzolo: frutto, decotto e… cocktail!

Si tratta del corbezzolo, una pianta tipica della nostra macchia mediterranea, dai caratteristici frutti tondi e sgargianti.

Luoghi Sardegna, Irlanda, Marocco
Argomenti botanica

24/nov/2011 13.18.17 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

E chi l’ha detto che per evadere dalla realtà è necessario un long drink alcolico? Madre natura, nella sua infinita bontà, ci mette a disposizione una pianta che oltre a farci stare meglio, ci manda anche su di giri. No, non è la vite. Si tratta del corbezzolo, una pianta tipica della nostra macchia mediterranea, dai caratteristici frutti tondi e sgargianti.

L’Arbutus unedo, questo il suo nome scientifico, appartiene alla famiglia delle Ericaceae  ed è molto diffuso nelle regioni a clima mediterraneo, alle Canarie, in Marocco e in Irlanda. E’ un arbusto sempreverde che può raggiungere anche i dieci metri d’altezza. L’infioriscenza avviene in autunno, con piccoli grappoli di fiori bianchi. Le foglie sono ovali e hanno i margini seghettati. Le bacche sono rosse e asprigne, e contengono dai quattro ai sei semi lanceolati di colore scuro.

Le proprietà del corbezzolo risiedono in gran parte nelle foglie, in quanto contengono molti tannini, steroli, gomme e soprattutto derivati fenolici (come arbutoside, monotropeina, unedoside, asperuloside e geniposide). Gli usi terapeutici della pianta riguardano la sua funzione astringente, antidiarroica, antinfiammatoria per il fegato, le vie biliari e l’intero apparato circolatorio; antispasmodico per l’apparato digerente e le vie biliari; e infine come diuretico, antisettico e antinfiammatorio delle vie urinarie.

Una golosità che fa bene alla gola e alla salute è il miele di corbezzolo, prodotto tipico della Sardegna, che ha delle proprietà balsamiche, antispasmodiche, antisettiche e diuretiche. Sulla pelle, invece, il decotto di foglie è un ottimo tonico perché astringe i pori.

Ma veniamo a un uso insolito di questa pianta, per lasciarti alle spalle i problemi della settimana e prendere la vita più alla leggera. Non tutti sanno che bere decotti di foglie di corbezzolo dà sintomi molto simili a quelli di una sbronza allegra. Le dosi sono 7 grammi di foglie macinate ogni tazza d’acqua bollente. Dopo 15 minuti di infusione, togliete le foglie e lasciate raffreddare. Aggiustate di miele, shakerate e servite nei bicchieri da long drink, per una serata di risate assicurate.

Controindicazioni: un uso eccessivo dei decotti a base di foglie di corbezzolo può causare stitichezza; il consumo invece di troppi frutti di cobezzolo può provocare nausea e stitichezza, come suggerito anche dall’origine del nome scientifico (“ar” in celtico vuol dire “acerbo, astringente” mentre “unedo” probabilmente derivera dalle tre parole latine “unu tantum edo” “ne mangio uno soltanto”).


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl