Approda a Napoli la petizione popolare di Gioventù Internazionale per i Diritti Umani

29/feb/2012 15.32.26 Walczyk Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Anche la Compagnia Teatrale Claudio Romanelli si prodiga affinchè i Diritti Umani vengano insegnati in ambito scolastico 

 

 

Roma 29 febbario 2012- Con oltre 130 firme di petizione raccolte in poche ore anche la Compagnia Teatrale Claudio Romanelli di Napoli da il suo contributo alla raccolta di firme per la petizione popolare affinchè i Diritti Umani vengano insegnati in un contesto scolastico in maniera da creare una futura generazione di paladini di pace e libertà. La raccolta di firme vedrà anche la città di Terni nella mattinata di domani protagonista di questa iniziativa che si svolgerà in un centro commerciale del capoluogo umbro

 

Gioventù per i Diritti Umani Internazionale ribadisce quindi l’appello per l'insegnametno della Dichirazione Universale dei Diritti Umani nelle scuole, e fornisce un utile ed efficace strumenti didattico attraverso la "Guida per l'Insegnante", (youthforhumanrights.org). Questo piano di lezioni, oltre a rendere il testo della Dichirazione Universale accessibile ai giovanissimi, risponde ai più alti standard dell'insegnamento, con presentazioni audiovisive: dal DVD "30 Diritti. 30 Articoli", ovvero 30 annunci di pubblica utilità, uno per ciascuno dei 30 diritti, al documentario di 9 minuti e mezzo dal titolo "La Storia dei Diritti Umani", ovvero la travagliata battaglia dell'uomo per giungere alla Dichiarazione Universale che le Nazioni Unite hanno sancito nel 1948 per "riaffermare la fede nei diritti fondamentali dell'uomo, nella dignità e nel valore della persona umana" e per "salvare le future

generazioni dal flagello della guerra". Ma l'elemento fondamentale di questa didattica è il video UNITED, pluripremiata produzione multietnica che, con una storia di vita di quartiere, mostra il potere dei diritti umani nel vincere violenza e intolleranza. Perno del progetto Gioventù per i Diritti Umani Internazionale è quindi la Dichirazione Universale e in particolare, perché la ruota dei diritti umani cominci a mettersi in moto, l'articolo 29, quello della responsabilità di ogni individuo nel diventare un paladino e difensore dei diritti umani. Continua quindi l'appello affinché "i diritti umani diventino una realtà, non un sogno idealistico", come osservò l'umanitario L. Ron Hubbard.

 

 

Per informazioni

www.youthforhumanrights.org

dirittiumani.romaorg@gmail.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl