Caserta. Ds: nasce la Consulta provinciale per l’infan?ÿ?Windows-1252?Q?zia e l’adolescenza

scrivere insieme la Carta dei Diritti.

Allegati

26/feb/2006 09.24.59 Maria Beatrice Crisci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

          

DEMOCRATICI DI SINISTRA

Federazione Provinciale di Caserta

Ufficio Stampa

Caserta, domenica 26 febbraio 2006

Agli organi d’informazione

Comunicato stampa

Caserta. Ds: nasce la Consulta provinciale per l’infanzia e l’adolescenza

Si è costituita a Caserta la Consulta provinciale Ds per l’infanzia e l’adolescenza “Gianni Rodari”, area tematica dei Democratici di Sinistra che ha lo scopo di elaborare idee e progetti per la tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

La costituzione è avvenuta presso la sede della Federazione dei Democratici di Sinistra di Caserta in via Maielli, alla presenza di Clementina Sorrentino, referente regionale della Consulta “Gianni Rodari”.

La Consulta casertana si aprirà a tutte le associazioni, le istituzioni scolastiche ed educative, gli operatori socio-sanitari e tutti i cittadini sensibili alle tematiche dell’infanzia e dell’adolescenza.

In vista della seconda conferenza nazionale sull’infanzia, che si terrà al Teatro Valle di Roma sabato 4 marzo, la Consulta di Caserta elaborerà un documento sulle condizioni dei minori in Terra di Lavoro, sull’esistenza di spazi verdi e di luoghi di incontri pubblici, sull’educazione alla legalità, sul problema dell’educazione scolastica, sui servizi a sostegno dei minori e delle famiglie.

Aderiscono alla consulta: Coordinamento Provinciale Donne Ds, Flc Cgil di Caserta, Arci, Associazione Napoli Nord.

Durante la riunione è stata indicata, quale referente provinciale, Paola Pontillo del Comitato Garanti Regionale dei Ds, nonché membro del Direttivo dell’Unità di Base Ds di Capodrise.

L'idea di dare il via ad una consulta nazionale è scaturita dalla decisione di investire con determinazione sui diritti delle bambine, dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi. E' certamente impossibile affermare questi diritti senza rimuovere barriere di condizioni sociale, razza e genere. Per la sinistra un valore essenziale da affermare è quello di concepire i bambini e i ragazzi come soggetto di diritti e non oggetto di politiche. Ecco il perché della Consulta: mettersi in rete per aprire una nuova stagione di riforme per l'infanzia e l'adolescenza e per scrivere insieme la Carta dei Diritti. Alla consulta hanno già aderito moltissime personalità delle Istituzioni, del mondo universitario, della cultura, della ricerca, dell'associazionismo e un grande numero di operatori che quotidianamente si battono per il riconoscimento dei diritti dei bambini e degli adolescenti.

La Consulta Ds per l’infanzia e l’adolescenza “Gianni Rodari” formula dieci proposte per il governo del Paese: Legge Zerosei, il diritto delle bambine e dei bambini all’educazione; Garante per l’infanzia e l’adolescenza; Osservatorio nazionale sul lavoro minorile e contro la dispersione scolastica; La salute ed il benessere dei bambini e gli adolescenti, osservatorio e livelli essenziali; Promozione e sostegno della musica e della creatività giovanile; Nuove proposte in materia di adozione; Decalogo del mangiar bene nelle mense scolastiche; Manifesto delle città amiche dei bambini e degli adolescenti; Il diritto dei bambini e degli adolescenti tra vecchi e nuovi media; Diritto minorile, diritto di famiglia e diritti dei bambini e degli adolescenti.

 

Comunicazione Ds Caserta

 

Con preghiera di cortese pubblicazione e radio-tele-web-diffusione. I giornalisti che volessero richiedere foto in formato jpeg o contattare l’ufficio stampa per ogni altra informazione possono rispondere a questa e-mail.

 

Questo comunicato, inviato in Ccn a operatori dell’informazione e a una lista di destinatari, non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale. Coscienti che e-mail indesiderate siano oggetto di disturbo, La preghiamo di accettare le nostre più sincere scuse se la presente non dovesse essere di Suo interesse. A norma della Legge 675/96 abbiamo reperito la Sua e-mail di persona, navigando in rete o da e-mail che l’hanno resa pubblica. Questo messaggio non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni, La preghiamo di inviare una risposta con oggetto: “Cancella”. Grazie.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl