Gioranata della donna

Mimosa, rose e proiezioni di video sui diritti umani al Centro Informativo per il Pubblico della Chiesa di Scientology di Roma e Mediterraneo Roma 6 marzo 2012 - In occasione della Giornata Mondiale della Donna, la Chiesa di Scientology di Roma e Mediterraneo donerà una composizione di Mimosa e Rosa a tutte le donne, un semplice gesto per celebrare l'emancipazione della donna e ricordare la necessità del riconoscimento degli stessi diritti, indipendentemente dal sesso, dalla razza e dall'appartenenza.

Persone Ron Hubbard, Johnson, Rosa, Cotton, Mimosa
Organizzazioni ONU, Roma
Argomenti lavoro, diritto, sindacati

06/mar/2012 23.04.55 Chiesa di Scientology di Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Mimosa, rose e proiezioni di video sui diritti umani al Centro Informativo per il Pubblico della Chiesa di Scientology di Roma e Mediterraneo

 

 

Roma 6 marzo 2012 -  In occasione della Giornata Mondiale della Donna, la Chiesa di Scientology di Roma e Mediterraneo donerà una composizione di Mimosa e Rosa a tutte le donne, un semplice gesto per celebrare l’emancipazione della donna e ricordare la necessità del riconoscimento degli stessi diritti, indipendentemente dal sesso, dalla razza e dall’appartenenza. 

 

A 40 anni dal tragico evento che diede origine alla tradizione dell’8 marzo, le Nazioni Unite riconobbero e misero nero su bianco, con la Dichiarazione Universale del 10 dicembre 1948, questo vitale principio di civiltà e umanità.

 

Le origini della festa dell'8 Marzo risalgono infatti al 1908, quando un gruppo di operaie dell'industria tessile Cotton scioperarono per protestare contro le terrificanti
condizioni di lavoro. Lo sciopero andò avanti per alcuni giorni, finché l' 8 marzo il proprietario Mr. Johnson, preoccupato dalla mancanza di produzione e soprattutto per non voler riconoscere tali diritti, bloccò tutte le porte della fabbrica per impedire alle operaie di uscire. Un incendio si sviluppò improvviso all'interno della fabbrica e le donne operaie, prigioniere, ne vennero travolte e 129 di loro persero la vita.

 

Da allora l’8 marzo è diventato un giorno della memoria, ma soprattutto un giorno per ricordare che, indipendentemente da differenze esteriori, tutti abbiamo pari dignità e siamo quindi titolati agli stessi diritti per nascita.

 

Per ribadire questo importante principio, la Chiesa di Scientology di Roma dona la speciale composizione e tiene dei tour per illustrare i video del progetto Uniti per i Diritti Umani, iniziativa sociale per promuovere la conoscenza e la pratica dei 30 diritti della Dichiarazione Universale che la Chiesa di Scientology supporta al livello internazionale.

 

Come il fondatore, l’umanitario L. Ron Hubbard, scrisse nel 1951, nel libro Scienza della Sopravvivenza, “Le arti e le abilità della donna, la creazione e l’ispirazione di cui è capace, e che qui e là, in posizioni isolate nella nostra cultura, riesce ancora ad esercitare malgrado la rovina e la decadenza che il mondo dell’uomo diffonde attorno a lei, devono essere fatte rivivere completamente. Queste arti, queste qualità, questa creazione e ispirazione costituiscono la sua bellezza, proprio come la donna è la bellezza dell’umanità.”

 

Per chi lo desideri sarà consegnato gratuitamente il DVD “30 Articoli. 30 Annunci” con i video sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

 

Per informazioni:

 

scientology.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl