8marzo2012 - Un aiuto alle sorelle africane di Oualia

COMUNICATO STAMPA| 8 marzo 2012 8 MARZO 2012 UN AIUTO ALLE SORELLE AFRICANE aiutiamo a comprare un'automobile di servizio per le emergenze sanitarie informazioni su come contribuire anche in www.comunisolidali.org Il Comune di Avigliana (TO) da diversi anni è capofila di progetti coordinati dalla Rete dei Comuni Solidali per il miglioramento delle condizioni di vita in Mali, particolarmente nella città di Oualia.

Persone Gigi Piga, Toyota, Paluello, Carla Mattioli, Filippo, Giuliano, Giuseppe, Cristina, Francesco, Marcella
Luoghi Oualia, Mali, Avigliana, provincia di Torino
Argomenti economia, politica, botanica, medicina

08/mar/2012 11.21.29 Re.Co.Sol. Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA| 8 marzo 2012

8 MARZO 2012
UN AIUTO ALLE SORELLE AFRICANE
 
aiutiamo a comprare un’automobile di servizio
per le emergenze sanitarie
 
informazioni su come contribuire anche in www.comunisolidali.org


Il Comune di Avigliana (TO) da diversi anni è capofila di progetti coordinati dalla Rete dei Comuni Solidali per il miglioramento delle condizioni di vita in Mali, particolarmente nella città di Oualia.

Carla Mattioli, sindaco di Avigliana, lancia un appello per una raccolta fondi che possa aiutare le donne africane in casi di complicazioni da parto.
 
 
Siamo appena tornati da nostro comune gemello per il consueto viaggio di verifica e progettazione dei nostri piccoli e sostanziali aiuti al piano di sviluppo previsto dal progetto della Rete dei Comuni Solidali.
Quest’anno ha partecipato anche la nostra protezione civile con l’ex meccanico e vigile del fuoco Paluello, Filippo e Cristina, due medici donna,Marcella e Cristina, che hanno lavorato fianco a fianco con infermieri e levatrici, due giovani Francesco e Giuliano, che hanno visitato scuole e organizzato splendidi tornei di calcio e feste da ballo per ragazze e ragazzi del villaggio.  Infine io, sindaca Carla e l’assessore Giuseppe, abbiamo discusso e progettato con il consiglio comunale i bisogni prioritari del Comune.
Dovremo continuare nei prossimi anni a sostenere i 34 maestri dei villaggi, le monitrici dell’asilo, un po’ di stipendio degli infermieri e delle levatrici dei quattro dispensari, la costruzione di pionieristiche strade di cemento scavate a zappe e picconi per i villaggi sugli altopiani, e poi, sempre, e ancora più oggi, nuovi pozzi prosciugatisi nell’attuale stagione siccitosa come non mai.
In più continueremo a sostenere nuovi orti per le donne, impianti di nuovi frutteti di papaia, mango e banani, piroghe per attraversare il fiume, medicine, ecc. ecc., attività di riforestazione attraverso un vero e proprio vivaio di piante utili da sistemare in brousse nella stagione delle piogge.
 
Ma l’urgenza di questa raccolta fondi riguarda l’ormai moribondo Toyota del Comune, unica auto che garantisce il collegamento tra i 37 villaggi di un comune grande come la Provincia di Torino e privo di strade. L’auto comunale è l’unico sistema per portare una donna bisognosa di un taglio cesareo o colpita da complicazioni da parto nell’ospedale più vicino (a 80 o 150 Km dal capoluogo) per far fronte a una delle poche operazioni gratuite che il Governo maliano consente.
Abbiamo già lasciato al sindaco 3000 euro, ce ne servono almeno altri 3000 per acquistare un fuoristrada di seconda mano che lo stupendo Moussà, un autista da rally, sarà in grado di mantenere e di far vivere anche in vecchiaia.
Inoltre le donne ci hanno chiesto almeno un mulino per decorticare il riso (e non solo) visto che tutte le operazioni di macinatura vengono fatte a mano, pestando in un mortaio con un pesantissimo pestello di legno, che impegna donne e bambini tutto il giorno, con dispendio di tempo e di salute. Il costo può aggirarsi tra 5000 e 7000 euro.
Pensate alle amiche di Oualià come forza della terra nel ballo e nel riso, nella capacità di ridere e scherzare, nella fatica e nel rischio di morte ad ogni gravidanza, nella loro bellezza incredibile, giovani e vecchie, nella loro dignità che ha fatto sì che poco tempo fa qualcuno proponesse un premio nobel per tutte le donne africane. Grazie
                
                                                                                                                                                                                                              Carla Mattioli, sindaco di Avigliana
 
PER DARE IL TUO CONTRIBUTO MANDA UN BONIFICO  CON CAUSALE “OUALIA” A
Rete comuni Solidali , piazza Manzoni 10 -  10022 Carmagnola
Cassa di Risparmio Bra, sede di Carmagnaola
IBAN.  IT 29 X060 9530 2600 0007 0105 627


Ufficio Stampa – Gigi Piga - cell. 3480420650 – press@comunisolidali.org  


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl